Altri articoli
di 0
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Il mondo dell'infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

'Il caldo e le gelate
devastano i nostri campi'
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
BENESSERE di Andrea Stern
Immagini articolo
Antibiotici nelle acque,
crescono i batteri killer
Andrea Stern


Il fiume peggio messo è in Bangladesh. Ha un livello di metronidazolo, farmaco particolarmente efficace sui batteri, 300 volte superiore alla soglia di sicurezza. Anche in Ticino gli antibiotici fanno ormai parte dell’ecosistema locale. Negli ultimi anni è aumentata la loro concentrazione sia nel Lago di Lugano, sia nei suoi immissari Cassarate, Laveggio, Magliasina e Vedeggio. L’ha rilevato uno studio del 2017. Mancano dati più recenti ma, nonostante l’impegno della Confederazione per ridurre il consumo di antibiotici, è difficile pensare che la situazione sia migliorata.
Ed è un problema serio. Chiaramente nessuno mette in dubbio l’utilità degli antibiotici, che dalla loro introduzione negli anni Quaranta hanno salvato milioni di vite umane. Ma la loro diffusione nell’ambiente uccide i batteri più sensibili e rinforza quelli più resistenti rendendo inefficaci gli stessi antibiotici. "Sempre più batteri patogeni risultano aver acquisito resistenze multiple a diversi tipi di antibiotici, rendendo alcune infezioni sempre più difficili da curare", dice il deputato udc Tiziano Galeazzi, che con il collega Edo Pellegrini e il verde Nicola Schoenenberger ha inviato il 7 giugno al Consiglio di Stato un’interrogazione. "Si stima infatti - prosegue Galeazzi - che in Svizzera ogni anno muoiano circa 300 persone per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, una cifra comparabile ai decessi causati dagli incidenti stradali".
Un’emergenza dunque. Contro la quale, apparentemente, si sta facendo troppo poco. Il già citato studio del 2017 - realizzato da Nicola Solcà, capo dell’Ufficio della gestione dei rischi ambientali e del suolo, per conto della Commissione internazionale per la protezione delle acque italo-svizzere - suggeriva alcune misure, come ad esempio un monitoraggio a medio-lungo termine delle acque reflue degli impianti di depurazione. Ecco, si chiede il parlamentare, questo monitoraggio è stato fatto? Con quali risultati? E le stazioni di depurazione sono già tutte dotate dei più moderni sistemi per eliminare le sostanze antibiotiche e abbattere la presenza di microrganismi resistenti ad essi? Al governo vengono inoltre chieste delle indagini sul fenomeno dell’inquinamento degli antibiotici nelle acque superficiali e nei terreni agricoli.
Dal canto suo la Confederazione ha avviato già nel 2015 una strategia nazionale sull’impiego degli antibiotici, volta a  conservarne l’efficacia e a ridurre le resistenze. Alcuni successi sono già stati ottenuti. Per esempio nella medicina veterinaria si è riusciti a dimezzare il consumo di antibiotici, mentre tra gli esseri umani il calo è stato del 5% nel settore ambulatoriale e del 10% in quello stazionario. L’obiettivo è di proseguire su questa linea, in modo da evitare che determinate infezioni non possano più essere curate.
Opportuno sarebbe un coordinamento a livello mondiale. Poiché se la Svizzera ha proibito l’utilizzo di antibiotici per stimolare la crescita degli animali già nel 1999 e l’Unione europea ne ha seguito l’esempio nel 2006, in altri Paesi non esiste alcuna restrizione in materia. Il principale consumatore di antibiotici negli allevamenti è la Cina, che ne utilizza quasi 100mila tonnellate all’anno. Ed è stato calcolato che nel mondo ogni dieci minuti vengono somministrati agli animali ben 2,5 tonnellate di antibiotici. Solo per favorirne la crescita

astern@caffe.ch
09-06-2019 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00