Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Elisabetta Moro
Chi è
Elisabetta Moro è professore di antropologia culturale, mitologie contemporanee e tradizioni alimentari del Mediterraneo all'Università di Napoli.
Dal menù alla carta al menù nella carta costituzionale il passo è breve. Un’idea intelligente e al tempo stesso provocatoria. Inserire tra i compiti della Confederazione l’educazione alimentare dei cittadini. Apparentemente è un azzardo mescolare cibo e diritti, principi nutrizionali e principi costituzionali.
Eppure si tratta di una nuova frontiera del governo degli uomini e dei processi produttivi, dei corpi e dell’ambiente. Di una vera e propria sfida biopolitica. Perché la dieta non influenza solo il nostro indice di massa corporea, in questi giorni sottoposto alla verifica della fatidica prova costume. Ma incide in maniera decisiva sulla salute e sull’aspettativa di vita. Sulla qualità della vecchiaia. Come sullo sviluppo psicofisico, più o meno corretto, dei bambini. Insomma, quando Ludwig Feuerbach diceva che siamo quello che mangiamo, non scherzava. Semmai non immaginava quanto avesse ragione. Nel frattempo gli studi scientifici internazionali sono arrivati ad un punto fermo. E cioè che la sana alimentazione è costituita da quella famosa piramide alimentare che l’Organizzazione mondiale della sanità cerca di fare entrare nelle nostre zucche da più di vent’anni e che si riassume in due semplici parole: dieta mediterranea. Nonché nei suoi sinonimi: cucina italiana, greca, spagnola, provenzale, magrebina, libanese, turca. Per non andare troppo lontano. Ma anche quella giapponese e asiatica tradizionale possono rientrare a pieno titolo in un ideale Mediterraneo allargato.
Il problema è che la generale sottovalutazione di queste conoscenze e il fatto che non vengano considerate essenziali nella formazione dei cittadini, porta i più a seguire diete sbagliate, scriteriate, modaiole. In una parola, malsane. Così l’obesità sta diventando un flagello biblico e uno stigma sociale, che colpisce soprattutto i ceti deboli. Configurandosi come una vera e propria ragione di disuguaglianza civile. Che merita tutta l’attenzione dei costituzionalisti.
08-07-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole