Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.02.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 11.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Filippo Facci
Chi è
Editorialista del quotidiano Libero e opinionista per il gruppo Mediaset
Riassumere il quadro politico italiano rischia di annoiare, perché il fatto che sia un quadro inedito non lo rende meno noioso. In pratica, la questione del referendum costituzionale (si vota il 4 dicembre) ha sequestrato ogni trattazione politica e amministrativa sin da prima dell’estate: il tema non ha mai smesso di riempire le pagine dei giornali anche se luglio e agosto, di solito, sono mesi in cui non succede niente di concreto (politicamente). Ma il referendum ha risucchiato ogni attenzione e subordinato artificiosamente ogni sommovimento o azione di governo: al punto che la sopravvivenza dello stesso governo Renzi e del partito che lo esprime, cioè il Partito democratico, appaiono legati a un filo. Che succede a destra, che succede a sinistra? Niente, è tutto sospeso.
Colpa di questo è anche una campagna elettorale che i fautori del "sì" (i governativi) hanno impostato da subito come un giudizio politico più sul governo Renzi e meno su una riforma che è complicata da capire sicché, essendo ora in calo la popolarità di Renzi e in parte quella del Pd, tutto è di conseguenza. È stato Renzi a ripetere che in caso di vittoria del "no" avrebbe smesso di fare politica e si sarebbe dimesso da presidente del Consiglio, portando il Paese a nuove elezioni. Ultimamente ha cercato di correggere il tiro, dicendo che la decisione sarebbe spettata al presidente della Repubblica: ma poco è cambiato. Più o meno tutti i partiti, quale che sia la loro posizione sul quesito referendario, danno per scontato che il voto avrà immediate conseguenze politiche.
E vediamo la posizione dei partiti. Il Pd è diviso: chi ovviamente per il sì, chi per il no e chi per un "forse" condizionato a improbabili modifiche della riforma. Area Popolare (gruppo parlamentare governativo  che comprende il Nuovo Centrodestra e l’Udc) è per il sì. Passando all’opposizione, il Movimento 5 Stelle, la Lega Nord e la Sinistra italiana fanno campagna per il no. Forza Italia è per il no anche se la riforma assomiglia a quella che nacque dall’accordo tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi, il "patto del Nazareno". Qualche ex parlamentare di Forza Italia ha aderito a un comitato politico per il sì. L’unico che si muove per ora è Salvini della Lega, abituato a fare una sorta di campagna elettorale permanente e a eludere i temi che considera astrusi. A margine di Forza Italia si muove Stefano Parisi, ex candidato a sindaco di Milano che ha ricevuto da Berlusconi un mandato ufficioso per valutare, tra le antipatie, come ristrutturare il centrodestra.
Detto questo, il referendum costituzionale è una sorta di guscio di noce. La riforma che si vota, approvata ad aprile, prevede la fine del "bicameralismo perfetto" (unicum in Europa) con forti limitazioni delle funzioni del Senato e delle regioni, più vari interventi minori. Il referendum è consultivo e non prevede un quorum. Se passa la riforma, il Senato avrà solo cento senatori eletti dalle regioni e una competenza legislativa ristretta. Le regioni torneranno a una situazione precedente l’altra riforma costituzionale del 2001, cioè perderanno l’autonomia finanziaria e manterranno solo quella sulla sanità. Spariranno anche le province, in precedenza già svuotate delle principali funzioni. Come andrà? La gran parte degli ultimi sondaggi avvantaggia di poco il no, ma in due mesi tutto può ancora cambiare. Il sito Termometro Politico, che ha aggregato i sondaggi delle principali società demoscopiche italiane realizzati negli ultimi 30 giorni, riporta che su 11 sondaggi, 8 danno in vantaggio il no e soltanto 3 danno in vantaggio il sì.
16-10-2016 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch