Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"

IL PUNTO di Gerhard Lob
I giudici indipendenti
garanzia di democrazia
Gerhard Lob


Ci sono temi nella politica che si ripetono con una certa regolarità ma non per questo sono meno importanti. Anzi. La ripetitività è un chiaro indicatore, una spia: significa che il problema non è stato risolto. Uno di questi è l’indipendenza dei giudici federali. O, meglio ancora, la loro dipendenza dai partiti politici di riferimento. Il problema è tornato d’attualità dopo una sentenza recente - di fine luglio - della Seconda Corte di diritto pubblico del Tribunale federale che a maggioranza - 3 giudici contro 2 - ha deciso che l’Ubs dovrà consegnare alla Francia i dati personali di oltre 40.000 suoi clienti francesi. Una decisione criticata fortemente da alcuni politici. L’Udc ha parlato di "un’incredibile sentenza contro la piazza finanziaria".
La critica di una sentenza ci può anche stare. In questo caso si capisce che pure i giudici avevano opinioni differenti. È invece inaccettabile che vengano fatte pressioni e minacce dai partiti politici sui singoli. In questo caso sul giudice federale Yves Donzallaz - d’area Udc - che aveva fatto da ago della bilancia a favore della consegna dei dati. La reazione del capogruppo Udc, Thomas Aeschi, non si è fatta attendere: "Dobbiamo chiederci seriamente se dobbiamo rieleggere giudici federali del nostro partito, se non rappresentano in alcun modo il nostro patrimonio intellettuale".
Sono affermazioni gravi perché ledono proprio uno dei principi sacrosanti delle democrazie occidentali, cioè la separazione dei poteri. Il caso Donzallaz ha fatto riemergere un problema: i giudici federali sono molto legati ai partici politici. Generalmente i magistrati pagano al proprio partito una cosiddetta "tassa di mandato", un tributo unico al mondo. Questi versamenti - da 3000 fino a 20’000 franchi all’anno per giudice - sono molto importanti per i partiti. Già nel 2017 il Gruppo di Stati del Consiglio d’Europa contro la corruzione (Greco) aveva criticato duramente la Svizzera per questa prassi. Insomma, dopo la loro elezione i legami tra magistrati e forze politiche andrebbero interrotti nettamente. Ma questo non è facile in un sistema dove vengono rieletti dopo sei anni pure i giudici già eletti.
La situazione potrebbe cambiare grazie al popolo svizzero. Alla fine di questo mese sarà consegnata alla Cancelleria federale un’iniziativa popolare (Iniziativa sulla giustizia) che propone un’elezione per estrazione a sorte e non più attraverso il voto del parlamento. Per decidere l’ammissione al sorteggio è prevista una commissione di periti che valuterà attraverso criteri professionali. Una volta designati, i giudici resterebbero in carica fino al pensionamento. Forse non è la soluzione ideale, ma almeno si eviterebbero i rapporti malsani fra politici e magistrati.
11-08-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00