Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

INCONTRI di Stefano Vastano da Terranuova
Immagini articolo
"Mi sento l'Omero
dell'aspra Barbagia"
Stefano Vastano da Terranuova


Lo incontriamo al festival di cultura "Moby Dick", giunto quest’anno alla seconda edizione, in quel di Terranuova Bracciolini. Invitato a discutere nella cittadina toscana del ruolo dell’intellettuale e della letteratura in questa Italia che i libri (quasi) non li legge più, immersa in una crisi economica devastante e in preda a nazionalismi e sovranismi. "Dico una cosa molto semplice - inizia Marcello Fois - un Paese senza istruzione e che non legge più è un Paese senza cittadini. E un Paese senza cittadini è in balia della reazione".
Argomenta con una chiarezza quasi matematica Marcello Fois, scrittore nato a Nuoro nel 1960. Lui di eventi e festival culturali, pieni di un pubblico che ha sete di incontrare scrittori e sentirne le storie, ne sa qualcosa. Il suo festival della letteratura a Gavoi, dedicato alla Sardegna "Isola della poesia", è giunto alla 16a edizione. Al prolifico autore di thriller e romanzi, tutti e sempre ambientati a Nuoro, chiediamo se si considera come il cantore della piccola cittadina sarda, l’Omero della selvaggia Barbagia. "Sì certo, nulla di strano, visto che Nuoro è la capitale letteraria della Sardegna, e forse una delle capitali letterarie del mondo", risponde orgoglioso.
E basta ricordare il Nobel alla Deledda o "Il giorno del giudizio" di Salvatore Satta. In effetti, sul pianeta non ce ne sono molte di cittadine con appena trentamila abitanti, ma così tanta storia della letteratura come Nuoro. Fois, che vive a Bologna, alla cittadina sarda ha dedicato la serie dei suoi polizieschi, la trilogia di "Sempre caro", "Sangue dal cielo" e "L’altro mondo", in cui a sbrogliare gli intricati casi di sangue c’è l’avvocato (e poeta) Bustiano Satta. Ma è con l’altra e più recente trilogia di "Stirpe", "Nel Tempo di mezzo" e "Luce perfetta", che gli è riuscito di riraccontare il Novecento italiano attraverso la dura saga dei Chironi, una famiglia di testardissimi nuoresi. "Nuoro è la città letteraria sarda, o perlomeno i panni letterari in Sardegna si devono risciacquare lì, nella mia città". Certo, Michela Murgia è nata a Cabras, Oristano, e con la storia di "Accabadora" ha spuntato subito i premi Dessì, il Mondello e il Campiello. "Sono in ottimi rapporti con Michela, siamo una generazione di autori sardi che discutono molto. Michela per un anno è stata la Deledda in una pièce teatrale che ho scritto io". Un lavoro teatrale in cui Fois ha cercato di "strappare la Deledda dal dimenticatoio in cui era entrata - spiega - e reinserirla nell’oggi". La Storia: maledetta Ruota eterna di grandi scrittori come di semplici famiglie che rovinano fra guerre e crisi, ma raccontata dalle strade e piazze di Nuoro, ecco il leitmotiv di Fois. "La mia storia dei Chironi è infilarsi in una tradizione familiare per generare così un ‘classico’, decidano poi i lettori se ci sono riuscito".
Evidentemente queste storie tipicamente sarde di sangue e stirpi, di uomini e donne così cocciuti e nuoresi piacciono ai lettori se Fois con il suo "Nel Tempo di mezzo" è entrato sia nella cinquina del Campiello che nella selezione dello Strega. "Se vuoi questo è il mio ‘manzonismo’ e cioè l’idea che attraverso le storie della povera gente poni in luce come si subisca o reagisca alla Storia". È precisamente così che un certo Alessandro Manzoni diede inizio, con "I Promessi Sposi", alla letteratura moderna. E proprio al primo romanzo italiano Fois ha dedicato l’anno scorso "Renzo, Lucia e io. Perché i Promessi sposi è un romanzo meraviglioso". Già, perché leggerle ancora oggi le storie - un thriller violentissimo, a ben pensarci - di questi Promessi sposi nell’Italia sprofondata nel caos del Seicento? "Non è un caso se il romanzo di Manzoni inizia con una minaccia mafiosa - spiega Fois - e con lo scadimento dello Stato". Ed eccoci tornati alla prima domanda, a che servono i festival e la letteratura e perché specie oggi, in un’Italia a pezzi, la gente abbia tanto bisogno delle storie che autori come Fois ci raccontano.
23-06-2019 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa