Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Le contraddizioni
faranno gravi danni
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Loretta Napoleoni
Chi è
Esperta di economia internazionale e terrorismo. Ha pubblicato vari libri; l'ultimo uscito è 'Democrazia vendesi'.
Primo G7 di Donald Trump, la figura politica più controversa del momento. Trump è infatti arrivato in Sicilia dopo aver infranto una serie di regole diplomatiche: ha giudicato pessima per l’economia americana la politica commerciale tedesca, perché la Germania esporta troppe automobili; ha bacchettato gli europei in relazione ai mancati pagamenti al club della protezione militare Nato; non è retrocesso di un millimetro dalla posizione scettica riguardo ai cambiamenti climatici, così che l’incertezza sugli accordi presi nel 2015 ha fatto sì che l’incontro iniziasse con una tensione inusuale per l’alta diplomazia. Certo i giorni della presidenza Obama, quando tra i leader regnava l’armonia e la collaborazione sono  ormai solo un vago ricordo. Ma è bene precisare che i risultati sono stati anche allora scarsissimi.
Anche il clima politico che ha fatto da sfondo alle consultazione è rimasto teso. E come poteva non esserlo? Theresa May è arrivata in Italia due giorni dopo che il suo Paese aveva sofferto il peggiore attentato terrorista dal 7 luglio del 2005, quando sono morte 52 persone in una serie di attacchi suicidi a Londra. Il primo ministro Gentiloni, che ha fatto gli onori di casa, da mesi fa fronte alla crisi migratoria peggiore che il suo Paese, l’Italia, ha mai sofferto. L’Iom, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la Migrazione, riferisce infatti che 54.715 migranti e rifugiati sono entrati dal mare in Europa nel 2017 (dal 1 gennaio al 17 maggio). Circa l’85% è approdato in Italia e il resto in parte in Grecia, a Cipro ed in Spagna.
Temi caldi del G7 di quest’anno: immigrazione clandestina e terrorismo. Naturalmente la lotta contro il terrorismo rimane l’obiettivo comune, ma nei prossimi mesi se gli europei non pagheranno i contributi dovuti alla Nato potrebbero vedere quell’ombrello protettivo militare diventare un po’ più piccolo lungo i confini con la Russia ed in Medio Oriente se Donald Trump decidesse che il contribuente americano non deve continuare a pagare per la sicurezza di quello europeo. E questo abbassamento delle difese potrebbe essere negativo per la lotta contro il terrorismo.
Più controverso invece è il tema dell’immigrazione, anche questo centrale alla politica di Trump, e qui abbiamo assistito allo scontro tra due visioni distinte della politica internazionale: quella di Donald Trump e quella di Angela Merkel.  Una politica di semi apertura, la sua, che possiamo definire di vecchio stampo, se ben analizzata, questa appare una chiusura tanto drastica quando quella di Trump. La Merkel infatti ha difeso l’accordo con la Turchia che, simile a quello stipulato da Berlusconi con Gheddafi, blocca i migranti nel Paese di Erdogan.
Morale: in tema di immigrazione e terrorismo non esistono due fronti ma due approcci semantici distinti che mirano ad ottenere un risultato identico, frenare il flusso delle migrazioni nel modo migliore possibile, erigendo muri di conta o intrappolando i migranti in campi profughi nei Paesi d’ingresso. Nessuno dei due si pone il problema del perché ci troviamo di fronte ad un vero e proprio esodo. Per questo nessuna di queste politiche funzionerà.
28-05-2017 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch