Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.02.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 11.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Luca Mercalli
Chi è
Climatologo, docente universitario e presidente della Società italiana di meteorologia
In un Paese frequentemente colpito dai disastri naturali come l’Italia, sembra che dalle calamità non si impari mai nulla. Ogni volta la sequenza è la solita: subito dopo l’evento, qualche giorno di paura, lacrime ed emozioni, fintanto che si scava tra le macerie di un terremoto o si spala il fango di un’alluvione, si contano vittime e si cercano dispersi e responsabilità; sull’onda della solidarietà si dona qualche euro, ognuno dice la sua, anche a sproposito, sui social network, poi i riflettori dei media si spostano su altre faccende, sull’episodio cala il silenzio, e a quegli stessi rischi - che inevitabilmente si riproporranno - non si pensa più, almeno fino alla volta successiva.
Vale per i terremoti come per le alluvioni. E se in una calma giornata di sole provi a far riflettere sulla prevenzione dei disastri, la pianificazione territoriale e le norme di autoprotezione civile, il più delle volte si suscitano sorrisini, battute e gesti scaramantici, raramente riflessioni razionali. Alcuni anni fa, durante la presentazione di un piano di protezione civile di un comune del Piemonte a cui intervenni come moderatore, la considerazione più ricorrente tra popolazione e autorità era "speriamo che non capiti più"... Speranza comprensibile, per carità, ma l’unica cosa di cui siamo sicuri, invece, è proprio che capiterà ancora! È inevitabile, lo insegnano la scienza e la storia. Tocca dunque prepararsi e fare in modo che gli impatti siano meno gravi possibile. Ed è appunto quando la terra non trema e splende un sole rassicurante che come cittadini dovremmo prendere il tempo per informarci sui rischi che corriamo nella nostra regione, e poi su come affrontarli, dalla progettazione della nostra casa ai comportamenti più corretti.
Che cosa succede se il fiume vicino straripa? Quali episodi sono già accaduti in passato? Sono in grado di mettermi in salvo? Dove sono i punti di raccolta sicuri? Che cosa copre la mia polizza assicurativa? Ho una torcia sul comodino per fuggire in sicurezza di notte? Parallelamente, sempre in momenti tranquilli, fuori dall’emergenza, i governi dovrebbero legiferare per proteggere il territorio, diffondere una razionale cultura del rischio, organizzare sistematiche esercitazioni di protezione civile, snellire la burocrazia, comunicare con efficacia ai cittadini le opportunità di riqualificazione edilizia e territoriale, e perché no, rendere obbligatoria l’adozione delle misure necessarie, facilitandole con opportuni sgravi fiscali e, ovviamente, verificarne con rigore l’applicazione.
Se invece aspettiamo sempre che capiti ancora, continueremo tutte le volte a scoprirci fragili e impreparati, e a piangere morti e devastazioni. Le conoscenze ormai ci sono tutte e su questo fronte non ci sono più scuse: carte delle aree a rischio geoidrologico, moderni sistemi di monitoraggio e di allertamento per le alluvioni, tecniche edilizie antisismiche applicabili anche alle strutture già esistenti... Serve soprattutto la volontà collettiva e politica di dirottare le preziose e sempre più scarse risorse verso una massiccia opera diffusa di manutenzione del territorio e di educazione ai rischi - che dovrebbe divenire materia di insegnamento fin dalle scuole elementari - la più grande opera di cui l’Italia abbia bisogno.
Indubbiamente non è facile, soprattutto in un Paese dalla geografia complessa e con centri storici plurisecolari, servono tempo e denari, ma i benefici sarebbero durevoli e ci sarebbe lavoro per generazioni di ingegneri, architetti, geometri, impresari, operai, educatori ambientali... con ricadute positive a lungo termine sull’economia dalle Alpi alla Sicilia. E se falliamo questi obiettivi nella nostra era, giunti all’apice della conoscenza umana e della diffusione delle informazioni, e con qualche soldo - si spera - ancora disponibile, quando metteremo mano seriamente al problema? Dal terremoto in Friuli del 1976 e dall’alluvione in Piemonte del 1994 alcuni passi avanti sono stati fatti soprattutto sul fronte dell’organizzazione dei soccorsi, ma come è evidente è la prevenzione che non basta ancora.
A nulla serve toccare il cornetto rosso e nascondere la testa sotto la sabbia: occorre guardare in faccia i rischi, senza vergognarsi di consigliare precauzioni in apparenza banali, ma salvifiche, quali lo zainetto pratico con i generi di sopravvivenza da tenere pronto in casa, come fa il valido portale di protezione civile statunitense www.ready.gov. Se c’è una cosa facile da fare è copiare le buone esperienze degli altri: fango e macerie sono uguali in tutto il mondo.
28-08-2016 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch