Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il mondo rincorre
gli armamenti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il pane come simbolo
della condizione umana
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2016
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2017
22.03.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 22 marzo 2017 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
22.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2017
17.03.2017
Concorso per la nomina di direttori/direttrici e vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie
14.03.2017
Servizio circondariale dello
stato civile di Bellinzona: nuovi orari
A partire dal 3 aprile 2017 entreranno in vigore i nuovi orari di apertura dello sportello.
13.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della Statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2016
10.03.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da venerdì 10 marzo 2017 alle ore 14.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
10.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
09.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Mariarosa Mancuso
Chi è
Saggista, critica cinematografica, ha studiato filosofia e scrive di cinema per la Rsi. Lavora per Il Foglio sin dai primi numeri e ha tradotto i racconti di Edgar Allan Poe.
Fotografa il degrado morale. La frase ricorre nelle recensioni dei film cupi, meglio evitarli il sabato sera. "Godless" di Ralitza Petrova - giovane regista bulgara vincitrice del Pardo d’Oro al Festival di Locarno - fotografa appunto il degrado morale. Di un’infermiera che accudisce gli anziani e intanto si appropria delle loro carte di identità, per loschi traffici. Una vecchietta resiste al furto, e viene sistemata a dovere. Qui finisce il delitto e dovrebbe cominciare il castigo - la Russia non è tanto lontana, anche in Dostoevskij c’era di mezzo una vecchietta. Solo che il film sembra disfarsi sotto i nostri occhi, mentre l’attrice non cambia mai espressione (si chiama Irena Ivanova, l’hanno premiata nella categoria "migliore interpretazione femminil"e: sono le performance stuporose che i cinefili da sempre prediligono).
Fotografa il degrado morale, dunque. E fa sembrare "Inimi Cicatrizate" (titolo internazionale "Scarred Hearts", cuori feriti) di Radu Jude - premio speciale della giuria - un film pieno di vita e di ottimismo. Eppure il protagonista soffre di tubercolosi ossea, e appena dopo i titoli di testa viene ingessato dal collo alla vita. Neanche parliamo della prognosi, tremenda, e del fatto che nessun dettaglio dei sanatori rumeni degli anni Trenta ormai ci sfugge, dalle barelle alle sale operatorie agli anestetici (pochi, urlano tutti come matti). È la vita di Max Blecher, ebreo rumeno apprezzato dai surrealisti, e dai più audaci paragonato a Kafka.
Palmarès tutto europeo. Dell’Est, sembra di essere tornati agli anni ‘70 quando a Locarno arrivavano i film da oltre cortina. Il premio come migliore attore è andato a Andrzej Seweryn per "Ostatnia Rodzina" del polacco Jan P. Matuszynski (titolo internazionale "The Last Family"). Altra storia vera, della famiglia Beksiński: padre pittore, figlio matto e traduttore dei Monty Python, anziane a carico (della madre, priva di smanie artistiche). Curioso ma sgangherato, sembra non cominciare mai.
Nulla, finora, che si possa consigliare a spettatori in cerca di un bel film. Se sta per scattare l’obiezione "ma è arte, qui si premia il cinema d’autore", un ripasso alla storia del cinema serve per dimostrare il contrario. E un ripasso alla "Poetica" di Aristotele serve per riprendere confidenza con la catarsi, anche in casi di degrado morale. Per completare il disastro, premio per la regia a Joao Pedro Rodrigues, regista di "O ornitologo". Delirio portoghese su Sant’Antonio (da Lisboa, prima che da Padova). Il tipo di film che esiste solo nel circuito chiuso dei festival e nelle chiacchiere dei critici duri e puri ("Il riapprendimento dell’arborescenza che è in noi" abbiamo letto su Internazionale). Sembra uno scherzo, o una parodia. Era il Festival di Locarno anno 2016.
14-08-2016 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Alluvione
in Perù
tre regioni
isolate

Francia
ucciso attentatore
all'aeroporto Parigi.
Era un francese

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch