Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

MOSTRA di Claudio Guarda
L’erudita ricostruzione
di un mondo ideale
Claudio Guarda


Archeologo, nonché grande storico dell’arte, J.J. Winckelmann (1717-1768) e A.R. Mengs (1728-1779), anche lui tedesco e pittore, sono i due grandi iniziatori del Neoclassicismo settecentesco. Con opere fondamentali di teoria e di analisi quali "Pensieri sulla bellezza e sul gusto nella pittura", scritta da Mengs nel 1762 e la celebre "Storia dell’arte dell’antichità" del 1767, opera ultima di Winckelmann, edita a Dresda un anno prima della sua morte, in contemporanea con il ponderoso volume dei "Monumenti antichi inediti" pubblicato a Roma addirittura a sue spese. E proprio su quest’opera di dotta erudizione e meticolosa raffigurazione si concentra la rassegna in corso al m.a.x museo di Chiasso.
Prima di entrare nel merito della rassegna, però, vale la pena di ricordare - in tempi come i nostri - che il Neoclassicismo di cui parliamo (a differenza di altri celebri ritorni al mondo classico, vedi il Rinascimento) rappresenta la conclusione di un lungo processo iniziato nel Cinquecento e perdurato fino a metà Ottocento, in cui, non gli "italiani", ma le anime colte del continente europeo scoprono e assumono come proprie le lontane nobili radici dell’antichità greco-romana. Il Neoclassicismo di cui ci occupiamo, quindi, altro non è se non il punto di arrivo di una lunga elaborazione di identificazione e specchiamento, incrementata da importantissimi ritrovamenti e scavi archeologici come quelli connessi alla riscoperta di Ercolano e Pompei tra il 1738 e il 1765.
L’intera produzione scritta del Winckelmann in questo senso diventa un punto di riferimento esemplare. Uomo di cultura enciclopedica, egli non contribuisce solo a determinare un gusto che poi si diffonde in tutta Europa, ma trova proprio nel mondo antico i fondamenti per una teorizzazione dell’arte come storia ed estetica fondate sulla rigorosa classificazione e lettura dei reperti archeologici e come erudita ricostruzione di un mondo ideale. A 300 anni dalla sua nascita il m.a.x museo gli rende omaggio con un’ampia esposizione dove, accanto alle oltre duecento grafiche dei "Monumenti", figurano manoscritti, matrici in rame e reperti archeologici provenienti dal Museo archeologico nazionale di Napoli, che accoglierà poi questa stessa rassegna.
26-02-2017 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue