Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 20:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

NUMERI di Loretta Napoleoni
Immagini articolo
L'agricoltore "global"
fa business miliardari
Loretta Napoleoni


A differenza del settore manifatturiero, per il quale gli accordi commerciali tra Stati Uniti e altri Paesi sono stati accusati di aver ridotto l’occupazione americana, per il settore agricolo la globalizzazione è stata positiva e continua ad esserlo. È per questo che gli agricoltori statunitensi hanno appoggiato accordi commerciali disegnati all’ombra della globalizzazione, come la Trans-Pacific Partnership (Tpp) che, grazie all’apertura a nuove nazioni nel Pacifico, prometteva un aumento delle esportazioni di carne, latticini e grano americano pari a 4-5 miliardi di dollari l’anno. Ma l’abbandono delle trattive per il Tpp è stata una delle prime decisioni prese dal neo eletto presidente Donald Trump, che ha minacciato di far saltare l’accordo nordamericano di libero scambio con il Canada ed il Messico.
Per ora le proiezioni per il 2017 sono ancora ottimiste: le vendite di mais, soia, bovini e altri prodotti agricoli dovrebbero arrivare a 134 miliardi di dollari rispetto a 129  del 2016, di cui le esportazioni in Canada e Messico rappresentano il 31% circa. Si tratta di mercati importanti, dunque, che se persi causerebbero un grave colpo al settore agricolo. Naturalmente a guadagnarci sarebbero altri Paesi, infatti questa politica potrebbe porre fine al ruolo di punta che gli Stati Uniti ricoprono nel settore dei cereali e facilitare nuovi primati per nazioni come Brasile, Australia, Russia e Ucraina tutte ben posizionate per trarre profitto dalla nuova politica protezionista americana.
L’American Farm Bureau Federation, il più grande gruppo di agricoltori degli Stati Uniti, ha già reso nota la lista dei concorrenti pronti a fagocitare la fetta di mercato mondiale controllata dagli americani: Brasile e Argentina quella di mais e soia; Ucraina e Russia quella del grano e dei semi oleosi; Australia e Nuova Zelanda quella della carne e dei latticini. Non bisogna dimenticare che l’Australia sta ancora spingendo per un Tpp senza gli Stati Uniti, per realizzare i potenziali guadagni commerciali in Asia. A quel punto i produttori americani sarebbero definitivamente tagliati fuori.
Già nel 1979 abbiamo assistito ad un fenomeno simile quando, a seguito dell’invasione sovietica dell’Afghanistan, Washington aveva imposto il divieto di vendita del grano a Mosca. Decisione presa dall’amministrazione Nixon che ebbe ripercussioni negative sul settore agricolo statunitense e con scarsi risultati positivi. Canada, Australia e Sud America, infatti, si precipitarono a vendere ai sovietici quello che gli americani gli negavano.
Donald Trump non ha un compito facile, anzi si potrebbe pensare che riportare l’America agli splendori commerciali del secolo scorso non è possibile, senza reinventare il modello capitalista. Pensare che basti alzare la voce per tornare ad essere il primo della classe è non solo sciocco, ma anche pericoloso.
19-02-2017 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch