Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il mondo rincorre
gli armamenti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il pane come simbolo
della condizione umana
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2016
24.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2017
22.03.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 22 marzo 2017 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
22.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2017
17.03.2017
Concorso per la nomina di direttori/direttrici e vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie
14.03.2017
Servizio circondariale dello
stato civile di Bellinzona: nuovi orari
A partire dal 3 aprile 2017 entreranno in vigore i nuovi orari di apertura dello sportello.
13.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della Statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2016
10.03.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da venerdì 10 marzo 2017 alle ore 14.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
10.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
09.03.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2017 e quarto trimestre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

NUMERI di Loretta Napoleoni
Immagini articolo
L'Europa stia attenta
alle vittorie di Pirro
Loretta Napoleoni


L’Olanda ha votato per il populismo giusto, ecco la frase pronunciata dal primo ministro Mark Rutte, che riassume cosa sta succedendo in Europa. Il populismo avanza, è una forza prorompente che sta trasformando le politiche dei partiti tradizionali e la riprova di tutto ciò arriva proprio dall’elettorato olandese.
Se mettiamo da parte la propaganda e le dichiarazioni euforiche dei politici europei, quella di Rutte sembra più una vittoria di Pirro che vero u successo elettorale. E vediamo perché. Il suo partito ha sì vinto le elezioni con un ampio scarto, anche grazie al sistema elettorale, ma rispetto alle ultime votazioni ha perso otto seggi. Il Freedom Party, guidato da Geert Wilders, ne ha guadagnati cinque diventato il secondo partito di maggioranza in parlamento. Ma non basta, il partito laburista, che ha governato nella coalizione con Rutte fino a ieri, ha perso 29 seggi, assottigliandosi ad appena 9 seggi. Una catastrofe! Invece i verdi ne hanno guadagnato 10  arrivando a quota 14. Nel nuovo parlamento i verdi avranno più seggi dei laburisti. Dato che democristiani e liberali hanno racimolato appena 19 seggi ciascuno, non sarà facile per Rutte formare una coalizione stabile.
Cosa ci dicono questi numeri? Innanzitutto che la vittoria del partito di governo è sicuramente legata alla presa di posizione verso la Turchia dell’ultima settimana, una mossa strategica che ha avvicinato Rutte a Wilders. L’Olanda tollerante non avrebbe mai impedito comizi diretti ad influenzare le minoranze etniche del Paese e mai si sarebbe fatta trascinare in un braccio di ferro diplomatico con un altro Stato. In secondo luogo, l’avanzata dell’estrema destra e dei Verdi sullo sfondo della sconfitta laburista ci dice che in Olanda, come negli Usa con la vittoria di Trump, ma anche in Austria, con l’avanzata dei Verdi, in Italia con quella del M5S e così via, la popolazione vuole un radicale cambio di guardia al timone della politica. Infine, il populismo si accompagna sempre alla polarizzazione della politica, ed è proprio questo che lo fa degenerare nella dittatura della maggioranza. Per capirci, il peronismo in Argentina sulla carta aveva un programma fantastico ma è poi naufragato nella gestione del Paese.
Quindi stiamo ben attenti al trionfalismo degli europeisti e dei loro leader, anche Pirro cantò vittoria troppo presto. Negare i problemi che assillano l’Unione Europea in relazione alla crisi dei migranti e a quella economica, per non parlare poi dell’euro, è mettere la testa sotto la sabbia. Prima o poi bisognerà rialzarla e a quel punto sarà troppo tardi per risolverli.
19-03-2017 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Alluvione
in Perù
tre regioni
isolate

Francia
ucciso attentatore
all'aeroporto Parigi.
Era un francese

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch