Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

SCHERMI di Mariarosa Mancuso
Immagini articolo
I pirati nel cinema
diventano hacker
Mariarosa Mancuso


Hanno piratato i pirati dei Caraibi. Lo scorso maggio, quando l’ultimo capitolo della saga iniziata nel 2003 - titolo: "La vendetta di Salazar" - era pronto per uscire, la Disney ricevette una mail anonima. "Abbiamo il film, se non pagate il riscatto siamo pronti a metterlo su internet". La cifra chiesta non è nota, si sa solo che il pagamento si sarebbe dovuto fare in bitcoin, moneta elettronica cara agli idealisti e ai criminali (categorie che a volte si sovrappongono). Come sia finita non è chiaro, il boss della Disney Bob Iger ha dichiarato "non pagheremo mai". Dal momento che il film su internet è andato dopo l’uscita in sala - come capita a tutti i film ormai - se ne deduce che hanno preso i criminali, o trovato un accordo.
Particolarmente odiosa - si sarebbe detto, in caso di rapimento più canonico - la modalità del rilascio, a blocchi di venti minuti (ricorda il povero Paul Getty a cui fu mozzato l’orecchio). Non è la prima volta che succede. Gli hacker russi rubarono e misero in rete con un giorno d’anticipo l’ultima puntata della quarta stagione di "Sherlock" con Benedict Cumberbatch e Morgan Freeman. E’ stato chiesto un riscatto anche per la quinta stagione di "Orange is the New Black", la serie Netflix ambientata in un penitenziario femminile (arancione è il colore delle divise). Stesso silenzio stampa sull’esito della trattativa, che si immagina andata a buon fine. Per gli hacker, si intende. Gli episodi della serie sono stati messi in streaming sulla piattaforma secondo calendario.
Secondo calendario - e a meno di altre piraterie - andrà puntualmente in streaming su Netflix il prossimo 28 giugno "Okja" di Bong Joon-Ho, il regista coreano del bellissimo "Snowpiercer" (gli ambientalisti cercano di raffreddare la terra e la congelano, gli unici sopravvissuti sono a bordo di un treno rigidamente diviso in classi). Okja è un maialone geneticamente modificato, molto intelligente e affettuoso con la sua padroncina coreana. Ma la cattiva multinazionale - diretta con piglio militare da Tilda Swinton in Chanel - lo rivuole indietro per loschi scopi. Immaginate "La carica dei 101" con il maiale al posto dei cani dalmata. Favola per famiglie con grandiosi effetti speciali e un finale esageratamente animalista.
18-06-2017 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin