Altri articoli
di 0
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Troppi negozi chiusi,
ogni mese 5 in meno"
L'INCHIESTA

La "bolla integralista"
cresce nelle carceri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Sparate leghiste
da ignorare sempre
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una politica assente
per il business migranti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

STORIE di Patrizia Guenzi
Immagini articolo
"Mi ha chiesto la mano
sulla Grande muraglia"
Patrizia Guenzi


L’espressione essere cittadini del mondo significa molte cose. Non avere un domicilio fisso, muoversi in continuazione, da nord a sud, da est a ovest, condividere idee, valori e esperienze con altri popoli. Acquisirne abitudini, sperimentare nuovi modi di vivere. È quello che hanno deciso di fare, un paio di anni fa, Fabienne e Benoit Luisier, 32 e 34 anni, romandi, da sempre amanti dei lunghi viaggi. Figuriamoci che lui due anni fa ha pensato bene di chiederla in sposa sulla Grande muraglia cinese! "Beh, diciamo che mi ha così sorpresa che non ho potuto dire di no", scherza Fabienne. E così oggi la coppia ha preso casa... nel mondo. "Sì, siamo nomadi - raccontano al Caffè che li ha raggiunti in Francia, al nord dell’Alsazia, prima erano in Thailandia e tra un po’ si sposteranno in Bretagna -, non abbiamo un luogo fisso in cui stare, ci muoviamo in continuazione, ci fermiamo qualche mese soltanto quando stiamo lavorando a un progetto. Poi ripartiamo. Senza pianificare, decidiamo e andiamo".
Un’esperienza unica, assicura la coppia, che tre anni fa ha deciso di fondare una propria azienda di sviluppo e strategie digitali, Novo Media, che si occupa di progetti a distanza nell’ambito del turismo. "Un’esperienza che arricchisce - sottolinea Benoit -, fortifica, emoziona, permette di vedere luoghi stupendi, di conoscere tante popolazioni diverse". Ma anche, aggiunge Fabienne, "di vivere con ritmi meno frenetici di quelli di prima, quando eravamo tutt’e due costretti a restare in un ufficio otto ore al giorno, una vita sedentaria che alla fine ci era venuta a noia".
La coppia si è conosciuta all’Università di Losanna, lui vallesano, lei, di origini svizzero tedesche ma cresciuta a Losanna. Lui era impegnato in una tesi di dottorato in biomeccanica, lei lavorava per una start-up. Dopo il master si trasferiscono a Vienna. Tutto bene, ma la coppia si annoia. Il loro primo viaggio lo preparano meticolosamente. Per mesi, un’enorme carta geografica decora il loro salone. Ogni sera, valutano le varie destinazioni, non senza un occhio alle finanze. "L’Africa del sud, la Namibia o il Giappone erano decisamente fuori budget", ricorda Fabienne. Ma un giorno tutto cambia. Comperano due biglietti per il giro del mondo, 3’500 franchi l’uno. Non lo sanno ancora, ma da quel preciso istante la loro vita non sarà più la stessa.
È il 2013 e Fabienne e Benoit Luisier, un mese prima di partire, creano il loro blog, "Novo-Monde". "La preparazione del viaggio era diventato il nostro principale passatempo e siccome siamo fan dei blog, abbiamo deciso di averne uno tutto nostro. L’abbiamo immaginato per restare in contatto con i nostri amici, ma poi l’abbiamo riempito di ogni tipo di informazioni pratiche e utili per chi, come noi, non riesce a stare fermo". I due trascorrono 19 mesi in giro per il mondo, attraverso altrettanti Paesi. Il tutto lo raccontano nel libro "Destination tour du monde" (Helvetiq). "Lì dentro c’è tutto, ogni luogo, ogni avventura, ogni episodio che ci ha in qualche modo colpiti. E anche un riassunto in numeri. Abbiamo visitato 18 Paesi, percorso 72.743 chilometri, dormito in 213 letti diversi, ci siamo confrontati con sedici lingue diverse, abbiamo camminato per 400 chilometri, salito sette vulcani e abbiamo ‘perso’ 53 gradi durante un volo tra Buenos Aires e Helsinki". Ma il libro vuol essere anche uno stimolo al cambiamento. "Siamo diventati più flessibili, più capaci a gestire i cambiamenti e gli imprevisti. Viaggiare è una scuola di vita". I due tornano nel marzo 2015 e vanno ad abitare a Zurigo. Lavorano nella stessa azienda. Ma si stancano presto.
Nel 2016, lo stesso giorno del matrimonio, annunciano ai parenti l’intenzione di diventare nomadi. E tra i Paesi che più  li ha emozionati, senza esitazione dicono: "la Lapponia del sud, sicuramente, con la sua aurora boreale".
pguenzi@caffe.ch
24-06-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Macron
ipoteca
il mini vertice
europeo

Bosnia-Erzegovina:
la rotta dei migranti
al confine
con la Croazia