Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

STORIE di Patrizia Guenzi
Immagini articolo
'La nostra scommessa?
Coltivare il mais andino'
Patrizia Guenzi


Una vita diversa. Meno frenetica e più lenta, meno impegnativa e più rilassata, meno condizionata dal denaro e più intimista, meno impaziente e più ragionata. Ci hanno provato Michael Posse, 27 anni, antropologo, Simon Noble, 32 anni, geografo, e tre educatrici sociali, Marie-Fleur Baeriswyl, 34, Karina De Tiberge, 37 e Ana-Karina De Tiberge, 34. Assieme a loro tre bimbi, dai 5 ai 7 anni. Dallo scorso novembre condividono la fattoria del Petit Bochet, a Gimel, nel canton Vaud, e un primo bilancio l’hanno già fatto raccontandosi, a inizio luglio, a Le Matin. Il loro obiettivo? Più di uno e tra questi anche "praticare la decrescita e produrre il mais andino con le tecniche quechuas". Intanto, Marie-Fleur chiede a tutti se pasta fatta in casa, insalata e torta di pere possono andar bene a tutti per la cena. "Non siamo una famiglia, piuttosto siamo dei ‘commensali’, visto che condividiamo i pasti", nota Michael, che in passato ha soggiornato in una comunità quechua sulla cordigliera centrale del Perù, dove ha imparato i trucchi dell’agricoltura.
Tutto è nato da un annuncio  sul web. Simon cercava delle persone per creare una comunità in una vecchia fattoria di famiglia, gente che volesse impegnarsi per l’ambiente, mangiare soltanto prodotti della permacultura e sviluppare progetti sociali. Permacultura? Ci viene in soccorso Michael: "È un sistema di progettazione per insediamenti umani ecosostenibili, fondati sulla centralità e il rispetto dell’agricoltura e su una particolare attenzione al territorio. Una sorta di ecologia applicata, i cui principi di riferimento sono appunto estrapolati dall’osservazione della natura".
Simon, che aveva vissuto qualche mese in una comune nel sud della Francia, si era convinto che per lui era giunto il tempo di passare da una vita individualista ad una comunitaria. "Viviamo in una società annoiata, arrabbiata, sempre in cerca di qualcosa", dice. La stessa ragione che ha spinto Marie-Fleur: "Penso che rinchiudersi in un appartamento è demograficamente e socialmente impensabile", dice.
Durante il giorno gli adulti esercitano la loro professione, la sera si ritrovano. Una volta alla settimana si riuniscono per parlare dell’organizzazione e scambiarsi nuove idee. Pronti a difendere il loro stile di vita etico, evitando gli sprechi. "Questo non significa che vogliamo essere una bolla, una ‘cosa’ al di fuori di tutto - sottolinea Michael, che più che ad una comune in realtà pensava di andarsene da solo in una baita in montagna, in compagnia di qualche capra -. Noi siamo integrati nella società, ed è importante mantenere scambi continui".
Il progetto di Simon, dunque, ha incuriosito i cinque. Michael è stato attratto soprattutto dall’idea di coltivare un terreno. Gli avrebbe permesso di esibire le sue "doti" di agricoltore provetto. In Perù ha imparato diversi trucchi. Rientrato in Svizzera, ha portato con sè quattro specie di mais che oggi tenta di coltivare qui, oltre a mettere in pratica diverse tecniche quechuas, come piantare le patate a lisca di pesce, "perché permette di evitare la formazione di pozze dopo le piogge", spiega, felice, anche, di poter allenare il suo spagnolo con Anna-Karina, originaria del Venezuela, la sua compagna Karina, cilena, e le loro due gemelle. "Anche per i bambini è un’esperienza molto formativa. Hanno cinque adulti di riferimento, cinque modelli educativi a cui ispirarsi. Non può che far loro bene".
Se oggi gli inquilini del Petit Bochet possono permettersi di riposare sotto gli alberi, gli inizi sono stati durissimi. Il terreno non era coltivabile, per anni ci hanno pascolato i cavalli. "Non c’era nulla. Oggi abbiamo piantato di tutto, dai broccoli ai cavoli e poi le patate, il mais, i fagiolini. Inoltre, ogni giorno abbiamo quattro uova assicurate. "Uno dei nostri obiettivi futuri è aprirci agli altri, magari accogliere dei migranti o delle persone in difficoltà".

pguenzi@caffe.ch
12-08-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin