Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

DIARIO di Giuseppe Zois
Immagini articolo
Nessuno conosce
l'indirizzo della felicità
Giuseppe Zois


Caro Diario,&softReturn;all’improvviso, quasi contemporaneamente, su diversi palcoscenici si sono accese le luci dell’attualità per un tema vecchio come il mondo. Protagonista - inseguita, indagata, qualche volta acciuffata, poi di nuovo rincorsa, in un gioco senza fine -: la felicità. Convegni, dibattiti, sondaggi, inchieste, libri... A Milano, il Corrierone ha mobilitato stelle di prima grandezza, alcune anche di luce fioca e tremolante: per alcuni giorni, prima durante e dopo, ha dispensato sogni a un incalcolabile pubblico. Da noi lo ha fatto a metà settimana - ma la trasmissione era agendata da più di un mese - la Rsi con Tutorial. Enrica Alberti, Mirko Bordoli ed Elisa Manca hanno guidato un bel viaggio.
CASO MAI ci fossero stati dubbi, sono fioccati gli interventi. Il tempo purtroppo è un tiranno che costringe a scegliere, ma sarebbe bello poter dare voce a molti che hanno detto la loro con originalità, intelligenza, alcuni con una vena di tristezza, sulla più ambita di ogni bene. Domandona: ma la felicità è solo "adesso", come qualcuno sostiene o è senza orologio?
LE INTERPRETAZIONI hanno creato una ricca polifonia: dal donare al condividere. Svetlana si sente felice quando lo sono le persone della sua vita; Nella esulta se un evento la tocca nel profondo; Valeria gode vedendo l’amore dei nonni che accompagnano i nipotini all’asilo; Aldo la trova riflessa negli occhi di chi ama; Jacqueline e Monica nelle piccole cose di ogni giorno, anche nella raccolta delle pere (con senso di gratitudine per Madre Natura), oppure nel lievitare di una dolce ciambella. Sintesi perfetta in Trilussa e nell’ape che si posa su un bottone di rosa, con rimando imperativo al suo cantore locale, l’Angiulin di Rovio. Pensiamoci. Anche un bucaneve, nella solitudine e nel gelo, può apparire come un dono dell’inverno, quindi un tocco di felicità e di speranza nell’eterno ritorno della primavera.
CHI SA DOVE SONO i confini tra la felicità e i suoi molti affluenti, come serenità, gioia, contentezza, positività, ottimismo? Una cosa è certa: la felicità è un fulmine emotivo. La psichiatra Federica Mormando ha risposto a un’ascoltatrice con l’immagine di una forma di estasi che può avere cause apparentemente minime, come un momento di fusione con il creato - ciò che fa sentire in armonia perfetta con il mondo - oppure uno scampato pericolo, o un inatteso successo.
A QUESTA meta dell’Eden sono più vicini coloro che sanno riconoscere la bellezza, che sono aperti al mondo, che non sono invidiosi o peggio ancora rancorosi e catastrofisti. Forse più affidabili della felicità restano però la gioia e la serenità: modi di vivere in sottofondo che, salvo circostanze infauste, rendono piacevoli i giorni di chi le ha conquistate e dei congiunti.
16-09-2018 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti