function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Altri articoli
di 0
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
GLI SCENARI di Luigi Bonanate
L'Accordo di Abramo
che esclude la Palestina
Luigi Bonanate


L’Accordo di Abramo", siglato alla Casa Bianca tra i rappresentanti di Bahrain ed Emirati arabi (due piccolissime entità del Golfo persico) e lo stato di Israele, pronubo Donald Trump, che fin dall’inizio del suo primo mandato aveva promesso una soluzione definitiva per la questione palestinese, non sembra poter risolvere la crisi iniziata nel 1948, costellata da un buon numero di guerre. In questa appariscente svolta diplomatica l’oggetto dell’accordo riguarda la promessa israeliana di sostenere l’annessione delle terre della Cisgiordania in cambio del reciproco riconoscimento giuridico tra i tre Paesi.
Saremmo tutti felici se questo potesse rivelarsi un passo decisivo per la pace mediorientale, specie in un periodo di turbolenza d’area piuttosto forte, ma qualche dubbio non può essere taciuto. Il primo riguarda il paradosso per il quale la Palestina - ovvero l’Autorità nazionale palestinese (Anp) - è stata esclusa da qualsiasi coinvolgimento. Ma la questione palestinese è il cuore di tutta questa storia! Israele e la Palestina rivendicano gli stessi territori; negli anni, Israele ha continuato la sua espansione, mentre la povertà e l’infelicità del popolo palestinese sono simmetricamente aumentate. L’Accordo di Abramo finge che non esista alcun altro interlocutore interessato alla vicenda... Inevitabilmente questa svolta inasprirà la situazione: reazioni e rappresaglie sono attese e nessuna apertura si è fatta verso i palestinesi.
Che poi siano gli Stati Uniti a officiare la cerimonia alla Casa Bianca è per più di un motivo provocatoria. In primo luogo perché scimmiotta gli Accordi di Oslo (1993) che furono l’unico grande tentativo concorde (ma sfortunato) di risolvere la questione palestinese. Ma quello era il prodotto di un processo di pace concordato tra i due avversari, mentre questo nuovo è poco più di un accordo consolare. E poi, che cosa c’entrano gli Stati Uniti in questa questione? Forse non ci siamo accorti che gli Usa non sono più la super-potenza che domina il mondo e controlla gli sviluppi di ogni crisi? Non dipende dagli Stati Uniti la pace in Medio riente, specie perché il quadro complessivo deve arricchirsi di altri due attori: l’Arabia Saudita e l’Iran, che sono (guarda caso) la prima, protettrice di Israele, e la seconda dei palestinesi. Il progetto americano è verosimilmente circondare l’Iran finché quest’ultimo non getti la spugna.
Anche in questo caso l’Anp ne farebbe le spese, ricavando da tutto questo balletto diplomatico-mediatico null’altro che una promessa (da marinaio) di Israele di sospendere (e non: annullare) l’espansione nei cosiddetti "Territori". Ben triste sorte toccherebbe dunque - comunque ciascuno la pensi - ai palestinesi che si ritroverebbero, appena si spengano le luci della festa, sconfitti senza aver neppure combattuto! Gli Emirati e il Bahrain non hanno problemi, e molti non sanno neppure dove stiano, sulla carta geografica: per essi si muoverebbe la diplomazia internazionale mentre alla Palestina, intorno alla quale, purtroppo, sono stati versati fiumi di sangue, neppure una pacca sulla spalla.
19-09-2020 23:30

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00