Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

FUORI DAL CORO di Giò Rezzonico
La denuncia di Marty
sulla giustizia
Giò Rezzonico


Ho avuto il privilegio di lavorare per i tre poteri dello Stato. Credo che il filo conduttore che ha segnato il mio percorso sia stato l’interesse per la giustizia. La giustizia intesa come equità e rispetto dei diritti di ogni individuo, e non, o almeno non solo, come quell’istituzione fredda e austera che è il diritto". È una citazione dal libro di Dick Marty Una certa idea di giustizia, Edizioni Casagrande. Non si tratta di una dotta disquisizione accademica sul diritto, ma racconta una storia di vita. La vita di un uomo di elevata statura morale, che ha fatto dapprima il magistrato in Ticino, quindi è stato eletto nel governo cantonale e in seguito nel senato nazionale. Deputato al Consiglio d’Europa ha svolto per questa istituzione importanti indagini, come quella sulle prigioni segrete della Cia o sul traffico di organi umani nel Kosovo, che lo hanno portato sulla ribalta internazionale.
Mi sono ritrovato molto in questo libro. Leggendolo ho rivissuto diverse analogie con la mia esperienza di editore e di giornalista. In particolare quando Marty afferma che ci sono due modi di interpretare il ruolo di magistrato: rimanere in ufficio ad attendere i dossier che giungono sulla scrivania, oppure "seguire con attenzione ciò che succede nella propria giurisdizione ed essere pronti ad avviare un’indagine". Per analogia nel giornalismo ci si può limitare ad attendere i comunicati stampa oppure guardare oltre. "Se ripenso alle mie inchieste - afferma Marty - mi rendo conto che le più importanti sono state avviate senza una denuncia formale della parte lesa o di terzi". Ma questo modo di interpretare il ruolo del magistrato, prosegue, "comporta un notevole impegno e rischia di provocare non pochi fastidi. Soprattutto quando si attacca la criminalità dei colletti bianchi si è subito etichettati come procuratori d’assalto o sinistroidi. Più si punta in alto, più è complicato procedere e gli ostacoli diventano sempre più difficilmente superabili".
Questo lo porta ad affermare "che non è vero che di fronte alla giustizia siamo tutti uguali… Per un volgare ladro di strada, per di più se straniero, le possibilità di farsi beccare sono infinitamente più alte che per un vero furfante della finanza". Ma la ricerca della verità non è più facile, anzi è forse ancora più difficile, quando si indaga, come è successo a Marty, su questioni di rilevanza internazionale. Anche di fronte a palesi infrazioni dei più basilari principi su cui si fondano le democrazie occidentali, come rapimenti o torture, il magistrato si è scontrato con sconcertanti silenzi giustificati dietro il "segreto di Stato", o forse meglio la ragion di stato, indipendentemente dal colore politico dei governanti.
16-02-2020 01:00

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00