Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
Franco Zantonelli


Il giornalista Massimo Fini, personaggio sui generis e decisamente controcorrente, nel pirotecnico panorama mediatico italiano, si definisce "un perdente di successo". Perdente per aver sprecato il proprio talento rifiutandosi di svenderlo al maggior offerente. Il che lo ha confinato in una nicchia. Quanti perdenti di successo si sono palesati, nei giorni scorsi, a risultati elettorali acquisiti? Praticamente nessuno. Prendiamo il caso di Germano Mattei, che non è stato rieletto in Gran Consiglio dopo una sola legislatura. Ha commesso qualche errore? Neanche uno. "Sono stato tradito dalle mie valli invidiose", è sbottato una volta appreso della trombatura. Eppure, anche lui si era costruito la sua nicchia. Ma per essere un perdente di successo ci vuole altro.

Sicuramente anche il nuovo Consiglio di Stato ticinese tra i tanti temi che si trascinano e che, con regolarità, suscitano dibattito sulla stampa, dovrà occuparsi della questione degli orari dei negozi. È vero che una nuova legge approvata dai cittadini è in attesa di entrare in vigore ma è altrettanto vero che alcune città, tra cui Lugano, premono per una maggiore flessibilità.
Intanto è un’evidenza il fatto che molte serrande, con nomi anche prestigiosi e di antica data, si stanno abbassando definitivamente soprattutto nelle zone centrali delle principali località turistiche, mentre un via vai di furgoni che trasportano pacchi ci fa sbattere il naso con un’altra realtà: quella dell’e-commerce. Il 30% dei ticinesi, rivela un recente sondaggio, fa acquisti online una volta al mese. Per far sopravvivere i commerci locali bisognerebbe invertire questo trend. Una bella sfida, non c’è che dire!

#Metoo alla qatariota. Ovvero il lauto stipendio al molestatore seriale. Che sarebbe l’islamologo svizzero, di origine egiziana, Tariq Ramadan. Il quale si è fatto 9 mesi di carcerazione preventiva in Francia in seguito alle denunce per stupro da parte di due donne. Nonostante queste accuse e un’indagine per un’altra violenza carnale, che Ramadan avrebbe compiuto a Ginevra, l’emirato del Qatar lo stipendia, in qualità di consulente, con la bellezza di 39 mila franchi al mese.
Lo si è saputo grazie a un’inchiesta giornalistica denominata "Qatar papers". Stando alla quale il regime di Doha, oltre che Ramadan, avrebbe finanziato con 80 milioni di franchi la creazione di centri islamici in Europa. Cinque dei quali in Svizzera, tra cui uno a Lugano. Da rilevare che, per la gioia di Salvini e dei suoi sodali sovranisti, il grosso dei finanziamenti avrebbe riguardato l’Italia.
14-04-2019 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur