Nuovi retroscena dopo la confessione di un pentito calabrese
Immagini articolo
"Tanti pregiudicati
hanno il permesso"
ALESSIA TRUZZOLILLO, DA LAMEZIA TERME


C’è un "passepartout" semplice per prendere la residenza in Ticino, anche per un pregiudicato. La chiave ha un nome e un cognome, per ora sconosciuto. Ed è quello di un funzionario cantonale. A lui si sarebbe rivolto Gennaro Pulice, pluripregiudicato legato alla cosca di ’ndrangheta Iannazzo-Cannizzaro-Daponte di Lamezia Terme. A lui, racconta al sostituto procuratore calabrese Elio Romano durante un interrogatorio, di cui hanno riferito a febbraio i quotidiani calabresi e ieri, sabato,  il Corriere del Ticino, avrebbe versato una tangente: "Ho preso la residenza a Lugano nel 2013 pagando una mazzetta perché io… un pregiudicato non può prendere la residenza in Svizzera". Il magistrato a quel punto ha insistito, voleva saperne di più.
"Dico, la mazzetta a chi l’avete pagata?", chiede a Pulice il sostituto procuratore.
"A un funzionario", risponde lui.
"Della Svizzera…", dice Romano.
"Sì, di origine calabrese", precisa Pulice.
Che subito aggiunge: "Siamo in tanti ad avere questo permesso, tanti pregiudicati abbiamo il permesso lì eh".
Il pubblico ministero, a quel punto, vuol sapere il nome del funzionario. Ma il collaboratore dice di non ricordare, sa di averlo scritto da qualche parte, quel nome è tra le sue carte. "Ce l’ho scritto", spiega, tra i contatti forniti dalla fitta rete che la criminalità calabrese intesse ovunque. E poi aggiunge che si riserva di riferire il nome ai magistrati italiani mentre, da parte del Ministero pubblico, come da parte dell’amministrazione cantonale, potrebbero partire a breve accertamenti per scoprire l’identità di quest’uomo. Anche se il ministro Norman Gobbi ha escluso, in una dichiarazione a Radio3i, che un funzionario di origini calabresi si sia occupato del caso. Per Gobbi, il pentito ha mentito sull’autocertificazione.
Ma chi è Gennaro Pulice? Finito in manette a maggio del 2015 nel corso dell’operazione Andromeda,  condotta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro contro una potente cosca di Lamezia,  Pulice ha deciso di saltare il fosso poco dopo l’arresto e di dichiararsi pentito. La scorsa estate le sue rivelazioni hanno riempito centinaia di pagine di verbali, depositate agli atti di un processo che avrà inizio a luglio. Gennaro Pulice, 38 anni, nato in Calabria e ancora residente nel canton Lucerna, esattamente a Ruswil, non è un semplice "guappo" al servizio delle cosche. Pulice è il prototipo del mafioso 2.0, con la pistola sotto la giacca e la valigetta 24 ore di pelle. Elemento di spicco di quella che i magistrati calabresi hanno definito "la mafia imprenditrice", vanta una laurea in legge e una in scienze giuridiche. Ma l’apparenza inganna. Perché Pulice è anche un killer. Il primo omicidio, di una lunga serie, lo ha commesso per vendicare la morte del padre. "Avevo meno di 16 anni", racconta. Poi è cresciuto. Ha condotto affari sporchi, ha aperto imprese, gestito estorsioni in Calabria fino al 2012, quando chiude con i Cannizzaro e si reca in Piemonte. Da qui il passo per la Svizzera, che avverrà un anno dopo, è breve. L’uomo si insedia in Ticino. Apre la Pulice Consulting, società di consulenza legale, e la Set Suisse, fallita a dicembre 2014, poco dopo avere ricevuto la soffiata di un suo possibile arresto. Le società panamensi sono mie, il bar a Lugano è mio, io ho il mobilificio, ho lo studio di progettazione, ho fatto tanto", racconta ai magistrati. Nei suoi confronti, scrive il CdT, il ministero pubblico ha aperto un procedimento per truffa e falsità in documenti dopo una segnalazione della Sezione lavoro.
19.06.2016


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è