Da Paradiso a Castione, così vivono i profughi minorenni
Immagini articolo
Il dramma invisbile
dei bambini migranti
MAURO SPIGNESI


Il loro è un dramma invisibile. Si può cogliere in uno sguardo, in un mezzo sorriso, in una smorfia. In un gesto. Non sono ragazzini come altri, non hanno più una casa, non hanno genitori. Sono vulnerabili e hanno bisogno di riconquistare la fiducia negli adulti. Hanno davanti una vita in salita, da percorrere scacciando incubi e paure. I minorenni non accompagnati, quelli arrivati in Ticino dopo viaggi attraverso il deserto della Libia e poi il mare Mediterraneo, attraverso strade segnate da violenza, fame e disperazione, oggi sono 62, distribuiti nei due centri cantonali, 41 in quello di Paradiso e altri 21 nel "foyer" di Castione. "Tutti seguono un percorso di integrazione, fra scuola, pretirocinio e apprendistato professionale", è l’unica indicazione che si riesce a strappare ad un indaffaratissimo Federico Bettini, responsabile della Croce Rossa per i minorenni. Sono i primi strumenti per inserirsi in una società come quella Svizzera completamente diversa da quella che hanno abbandonato prima di fuggire dal loro Paese.
Ad Arbedo e Paradiso ci sono ragazzi eritrei, siriani, somali, afghani. Sensibilità diverse, percorsi diversi, caratteri e culture diverse. Con loro, avverte ancora ancora Bettini, bisogna avere molto tatto e sensibilità, perché non si tratta di ragazzi qualunque. Nei centri i ragazzi vengono seguiti da team multidisciplinari capaci dunque di offrire una preparazione ad ampio spettro. Anche perché alcuni di loro hanno comprensibili difficoltà di adattamento e dunque bisogna procedere lentamente, seguendoli pian piano, tappa dopo tappa, ricostruendo un rapporto di fiducia. Importante è anche il collegamento con la rete nel territorio e le amicizie che questi minorenni nel tempo riescono a cucire.
Molti comuni in questi anni hanno cercato di agevolare l’integrazione dei minorenni stranieri arrivati attraverso il flusso dei profughi. Bellinzona, ad esempio, ha creato una classe per piccoli richiedenti l’asilo.
Gran parte dei ragazzi minorenni stranieri non accompagnati da un adulto vengono intercettati in Ticino. Secondo la Croce Rossa, ma anche secondo le altre associazioni che si occupano di loro in Svizzera, molti arrivano sapendo già che c’è un parente che vive nella Confederazione, hanno in tasca un biglietto con un numero di telefono di una persona di riferimento da raggiungere. Ma prima di farlo, quando vengono bloccati, devono anche loro seguire la trafila imposta dalla legge. Nel 2016 alla frontiera erano stati intercettati oltre settemila minorenni. Nella metà dei casi i ragazzi avevano dichiarato d’avere fra i 17 e i 18 anni. Secondo i dati della segretaria di Stato della migrazione, tra loro il 15 per cento erano ragazze. Quasi cinquemila minori hanno chiesto asilo al confine (buona parte in Ticino) per poi essere dirottati in un centro come quelli di Paradiso o di Castione.
Tempo fa il Partito socialista aveva proposto di affidare i minorenni non accompagnati alle famiglie disponibili a farsene carico. Un po’ sulla falsariga di quanto accade in altri cantoni, come ad esempio Ginevra. Naturalmente rispettando precisi criteri, oltre che un costante e qualificato accompagnamento. Per i socialisti questo sarebbe un sistema per offrire ai ragazzi una casa, un tessuto sociale e familiare per favorire la loro integrazione e adattamento. Ma la proposta non ha trovato molti riscontri. Così il Ticino ha deciso di aprire un suo "foyer" a Castione. Un luogo dove i minorenni che hanno un passato in comune possono vivere insieme.

m.sp.
10.06.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti