Nuovi filtri e lampade meno potenti per i centri abbronzanti
Immagini articolo
Solarium più sicuri,
lo impone Berna
PATRIZIA GUENZI


Tempi duri per i solarium della Svizzera. Una legge più restrittiva minaccia la loro sopravvivenza. A meno di ingenti investimenti. E molti centri di abbronzatura artificiale hanno già chiuso i battenti o lo faranno tra breve. In sostanza, non solo dal 2019 i raggi Uv (ultravioletti) saranno vietati ai minori di 18 anni, ma tutti i lettini abbronzanti dovranno essere adattati alle nuove norme, molto più severe. Una spesa di 60mila franchi per apparecchio. "Sono favorevole ad una regolamentazione più precisa, chi lavora seriamente non ha nulla da temere", dice Jürg Heim, delegato per la Svizzera italiana di Photomed, associazione mantello dei centri d’abbronzatura artificiale.
A spingere Berna ad inasprire la "legge sulla protezione contro i danni legati alle radiazioni non ionizzanti e gli stimoli sonori" sono i dati epidemiologici, per cui il 5,4% dei melanomi sono imputabili ai solarium. Dati che rapportati alla Svizzera, significano che 51 uomini e 90 donne sviluppano ogni anno un cancro della pelle e che 14 uomini e 19 donne muoiono. Ecco perché saranno rafforzati i controlli degli apparecchi, oltre ad aumentare la protezione dei giovani e incrementare la responsabilità dei fornitori. "Non capisco perché si continuano a demonizzare i solarium - replica Heim -. Sottolineando sempre il rischio di questi apparecchi, che un uso sconsiderato ovviamente comporta, e non si parla invece dei benefici. Ad esempio, la vitamina D, che i raggi ultravioletti producono e di cui molte persone sono carenti".
Le nuove norme comportano la sostituzione dei filtri e delle lampade, che dovranno essere meno potenti. "Da un’analisi di mercato è emerso che in Svizzera la maggior parte dei solarium sono in case private e qui chi controlla? - osserva Heim -. È sempre questione di misura. Si abbassa la potenza delle lampade, va bene, ma se una persona sta nel lettino più a lungo a questo punto i raggi Uv che assorbirà saranno gli stessi". E aggiunge: "L’irradiazione è data dalla potenza moltiplicata per il tempo. Più si sta sotto le lampade e più raggi si ricevono. È semplice. Inoltre, nei nostri centri ci sono cartelli che spiegano, a dipendenza dei tipo di pelle, il tempo massimo da non superare".
Ma Berna insiste. Le nuove norme che verranno introdotte sono già in uso in diversi Paesi europei. La clientela con meno di 18 anni è attorno all’1%, ribattono i gestori. Inoltre, chi farà i controlli sull’età di chi entra nei centri abbronzantoi? Una cosa è certa. È finito il periodo d’oro dei solarium, dal 1980 al 1990 c’è stato un boom di nuovi centri, uno ad ogni angolo di strada. A contribuire alla loro dipartita, anche il tramonto della moda che imponeva di esibire una pelle color caffelatte. Complice, soprattutto, l’Organizzazione mondiale della sanità, che ha iniziato a sottolineare i pericoli di un’esagerata esposizione ai raggi Uv. Ma Heim osserva: "È provato che ci si scotta molto più spesso all’aria aperta che dentro un lettino".

p.g.
10.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta