Il ginecologo Rey per la prima volta davanti a un giudice
Immagini articolo
In aula il chirurgo
dei seni amputati


Pur rallegrato dal fatto che la sua eventuale concolpa sia stata irreversibilmente ridimensionata, convinto della sua innocenza, ha comunque deciso di impugnare il decreto d’accusa". Decreto che poco più di un anno fa lo ha condannato ad una pena pecuniaria, 120 aliquote e 3’000 franchi di multa. Lui, il condannato, è il medico che nel 2014 asportò i seni, per un errore di identità, ad una donna allora 63enne. Lui, il dottor Piercarlo Rey, e i suoi legali, Renzo Galfetti e Tuto Rossi, non hanno intenzione di cedere, sebbene la magistratura abbia da tempo escluso eventuali colpe da parte della clinica. E martedì prossimo, il 12 giugno, saranno in aula penale davanti al giudice Amos Pagnamenta. Rey dovrà rispondere delle accuse di lesioni colpose gravi, falsità in documenti e falso certificato medico.
Che ad effettuare quell’operazione chirurgica sia stato il dottor Rey non vi è alcun dubbio. Fu lui, nel luglio del 2014, ad entrare in sala operatoria e a sostenere che il piano era cambiato. Non più il semplice tentativo di asportare da sotto un capezzolo un piccolo tumore, ma una mastectomia bilaterale, ovvero l’asportazione di entrambi i seni. Perché mai? All’origine, un errore di identità e la mancanza delle indispensabile verifiche da parte del medico per accertare chi fosse la paziente sul tavolo operatorio e sedata da alcuni minuti. Ma... Un "ma" è emerso per tutta la durata dell’inchiesta penale ed è stato rilanciato più volte con un’inchiesta giornalistica del Caffe (a inizio dello scorso maggio assolto dall’accusa di diffamazione sostenuta dalla clinica Sant’Anna).
"Ma" quali procedure di sicurezza erano in vigore a quel tempo in clinica, nel blocco operatorio? Come è stato possibile che l’errore, il gravissimo errore di una sola persona, il chirurgo, abbia potuto causare una simile disgrazia? Senza che nulla e nessuno l’abbia potuta evitare? All’inizio dell’operazione e a metà intervento un’infermiera e il medico anestesista chiesero al chirurgo se fosse sicuro di quel che stava facendo. Piercarlo Rey era pienamente convinto delle sue azioni.
"Ma"... le procedure di sicurezza per la sala operatoria raccomandate dall’Organizzazione sanitaria mondiale che dicono? Si tratta di procedimenti alquanto complessi. Procedure di identificazione che iniziano nel reparto di ricovero e terminano all’uscita dalla sala. Al momento dei fatti, cioè nel luglio 2014, alla Sant’Anna non era ancora stata implementata alcuna procedura standardizzata e valida per tutti. Si stava iniziando, dichiarò a verbale il direttore sanitario della Sant’Anna.
Ma... C’è ancora un "ma", emerso per la prima volta nel corso del procedimento in aula contro il Caffè. Si tratta del risultato dell’ispezione dell’Ufficio del medico cantonale alla Sant’Anna, effettuata casualmente cinque mesi prima quel tragico avvenimento. Dal protocollo di quell’ispezione risulta che tutto era in regola per quanto riguarda le procedure di sicurezza in sala operatoria. Che tutto era "conforme" alle citate procedure raccomandate dall’Organizzazione mondiale di sanità. Così sta scritto su quel documento, letto in aula e consegnato al giudice Siro Quadri dal legale del Caffè, l’avvocato Luca Allidi.
Sarà forse anche su questi fatti che il procedimento contro Piercarlo Rey martedì prossimo potrebbe ritornare.

r.c.
10.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta