L'inchiesta un anno dopo la tragedia della donna eritrea
Immagini articolo
Ipotesi strangolamento
nel giallo di Bellinzona
MAURO SPIGNESI


C’è un indizio che porta a un’ipotesi. E un’ipotesi che porta a un dubbio inquietante: c’è stato un tentativo di strangolamento da parte del marito della donna eritrea prima che lei volasse giù dal palazzo di Bellinzona un anno fa? Fra i tanti elementi che affiorano dall’autopsia richiesta dal Ministero pubblico, risulta una lesione dell’osso ioide. Una lesione che potrebbe essere stata causata appunto da una forte pressione delle mani. Ha tentato di soffocarla e poi l’ha spinta dal balcone? Se questo fosse vero, l’ipotesi di reato della magistratura, cioè l’omicidio intenzionale, ne uscirebbe rafforzata. Ma i dubbi restano. Perché la lesione potrebbe anche essere stata provocata dall’impatto sull’asfalto dopo il volo di 18 metri. Intanto lui, l’imputato, nega. Esclude categoricamente d’aver aggredito la moglie, smentisce qualsiasi tentativo di strangolamento. Con forza.
E allora, cosa è accaduto prima del volo, quel volo seguito dal rumore soffocato di un tonfo sull’asfalto nella notte, la calda e tragica notte di un anno fa? Cosa è accaduto prima e dopo le 23 del 3 luglio 2017, quando una ragazza eritrea di 24 anni, mamma di due bambini, è volata giù come un sacco vuoto dal sesto piano di una palazzina di via San Gottardo? Il processo contro il marito della donna, anche lui eritreo, 35 anni, comincerà probabilmente in autunno. L’inchiesta, coordinata dal procuratore pubblico Moreno Capella, è praticamente terminata. Restano aperti alcuni quesiti posti dal difensore dell’imputato, l’avvocato Manuela Fertile, al perito che ha diretto l’equipe dell’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna. E restano aperti una serie di interrogativi che dovranno essere sbrogliati probabilmente in aula. Perché questo giallo è sempre più giallo. Ci sono brandelli di testimonianze, supposizioni, calcoli fisici, simulazioni, per ricostruire il baricentro e la parabola della traiettoria del volo della vittima. E dubbi, tanti dubbi.
Perché è vero che la perizia giunta da Berna esclude l’ipotesi del suicidio, non compatibile con la posizione in cui è stato rinvenuto il corpo della vittima. Ma resta da capire se effettivamente la donna sia piombata nel punto esatto in cui è stata trovata o sia stata spostata nel tentativo di rianimarla, visto che sembra fosse ancora viva quando è stata soccorsa. Versioni, particolari, dove non emerge nulla di definitivo. Anche se ci sono una serie di indizi che, uniti insieme, porterebbero dritti all’accusa di omicidio intenzionale. Questo, nonostante l’eritreo continui a dire, senza cedere di un millimetro, che no, non è stato lui ad uccidere la moglie. Anzi, l’uomo ha raccontato d’aver cercato disperatamente di salvarla, afferrandola al polso.
È davvero così? Durante gli interrogatori, avrebbe raccontato che quella notte mentre lei stava cavalcioni (e nelle gambe ci sarebbero ferite e abrasioni compatibili con questa ricostruzione) sul muretto del balcone gli avrebbe detto di star lontano, di non avvicinarsi. Altrimenti si sarebbe buttata di sotto. Lui le sarebbe invece andato incontro per allontanarla da quel punto pericoloso, come già aveva fatto a maggio, durante un precedente litigio. Ma lei si sarebbe buttata giù e lui sarebbe appena riuscito, appunto, ad afferrarla per un polso. Se fosse andata davvero così, allora che ipotesi di reato si configurerebbe nei confronti dell’imputato? Difficile dirlo. Ma la sua posizione potrebbe alleggerirsi.
Certo, il litigio c’è stato. E c’è stato per una questione di gelosia, per una minaccia, forse, di divorzio. Lui voleva chiarire, voleva una risposta definitiva alle sue domande dalla moglie. Ed è per quello che avrebbe chiuso tutte le porte di casa. Ma lei gli avrebbe detto di aprire, altrimenti avrebbe gridato. Lui, spaventato, avrebbe a quel punto sollevato la tapparella che aveva abbassato. Un attimo dopo la donna era già sul balcone. Una versione di parte, naturalmente. Una ipotesi. Come quella legata alle cicatrici individuate sul corpo della vittima. Per gli inquirenti potrebbero essere frutto di possibili tentativi di aggressione, magari di settimane prima. Per l’uomo invece sarebbero i segni di vecchie ferite che la donna aveva sul corpo prima che arrivasse in Ticino.

mspignesi@caffe.ch
08.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo