Inchiesta internazionale inaspettatamente riaperta
Immagini articolo
Estrazione illegale?
Il Congo chiede i danni
FEDERICO FRANCHINI


La vicenda dell’oro della Repubblica democratica del Congo (Rdc) e della raffineria Argor-Heraeus potrebbe non essere finita. Per lo meno da un punto di vista congolese. Il Paese africano ha infatti chiesto al Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) di poter consultare il dossier riguardante la procedura penale che Berna aveva aperto, e poi - va detto per correttezza - chiuso con un abbandono, nei confronti di una delle più importanti raffinerie d’oro del mondo. Il motivo della richiesta? Kinshasa intende agire civilmente nei confronti dell’azienda di Mendrisio.
Possibile? Andiamo con ordine. Nel 2013, in seguito ad una denuncia dell’Ong ginevrina Trial, la procura federale aveva aperto un procedimento penale. La causa: tre tonnellate d’oro raffinate in Ticino e provenienti da una zona dove era in corso uno dei conflitti armati più sanguinosi degli ultimi decenni e dove i combattenti si erano impossessati delle concessioni aurifere per arricchirsi e acquistare armi.
I potenziali capi d’accusa erano pesanti: riciclaggio di denaro e complicità in crimini di guerra. Nel marzo 2015, era però arrivato un decreto d’abbandono, firmato dal procuratore federale Andreas Müller, che aveva spazzato via le accuse, da sempre considerate prive di fondamento da parte della società. La procura, ricordiamo, aveva stabilito che non era possibile determinare che l’azienda sapeva che stava raffinando dell’oro di provenienza illegale. Tuttavia, nel decreto d’abbandono c’è anche scritto che la raffineria avrebbe potuto sapere che l’oro proveniva, con grande probabilità, dal Congo e che la vendita del metallo avrebbe potuto servire al finanziamento del conflitto. Il caso sembrava ad ogni modo chiuso. Tre anni più tardi, però, ecco che le autorità congolesi potrebbero riprendere in mano il dossier. È quanto emerge da una sentenza del Tribunale amministrativo federale (Taf), resa nota dalla newsletter giudiziaria Gotham City.
La sentenza concerne un ricorso con il quale la Rdc si è opposta alla decisione della procura federale di non trasmetterle il dossier in questione. Lo Stato africano aveva infatti chiesto di poter consultare il fascicolo dell’Mpc con lo scopo di procedere civilmente nei confronti della raffineria (e di altre due società coinvolte nella vicenda) e di farsi rimborsare per i danni di cui si ritiene vittima. Il Congo ritiene che i dati contenuti nel dossier lo riguardino nella misura in cui riguardano il saccheggio di tre tonnellate d’oro estratte illegalmente dal suo territorio da parte di milizie ribelli. Di fronte al rifiuto della Procura federale, Kinshasa ha fatto ricorso davanti alla giustizia. Ricorso che è stato parzialmente accolto dai giudici di San Gallo: la causa è rinviata all’Mpc che dovrà adesso riesaminare la domanda d’accesso al dossier.
Contattato dal Caffè, Pierre Bayenet, l’avvocato svizzero che rapprsenta il Paese africano, dice di sperare che, grazie a questa decisione, il Congo possa "ottenere una compensazione legittima per il saccheggio di cui il suo suolo è stato vittima".
08.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo