Bellinzona scrive all'ospedale del cuore: "Incontriamoci"
Immagini articolo
L'Ente ospedaliero
apre al Cardiocentro
PATRIZIA GUENZI


Segnali positivi nei tesissimi rapporti fra Ente ospedaliero cantonale (Eoc) e Cardiocentro. Il presidente dell’Eoc, Paolo Sanvido, ha inviato lo scorso fine luglio una lettera ai vertici della struttura sanitaria luganese per sollecitare un incontro. Entro agosto, stando ad una sorta di tabella di marcia stilata dal governo, il Cardiocentro avrebbe dovuto allestire un piano dei progetti di ricerca in corso indicandone gli obiettivi, il personale impiegato e i relativi costi finanziari. Il cosiddetto "Ospedale del cuore" negli scorsi mesi aveva infatti chiesto al governo 3 milioni e mezzo l’anno, e per 15 anni, al fine di finanziare la propria attività di ricerca. Una richiesta volta a tessere una propria autonomia anche quando la fondazione che gestisce il Cardiocentro cesserà di esistere e, per volere dello stesso fondatore, tutto dovrà passare all’Ente ospedaliero.
Nei difficili rapporti fra Ente e Cardio in primavera era stato chiamato a far da paciere il governo. Invano. Il Consiglio di Stato ha proposto alla struttura luganese cinque anni di transizione. Ovvero il mantenimento dell’attuale struttura, vertici e personale, alle medesime condizioni. Unica differenza: il direttore risponderà direttamente alla direzione generale dell’Ente. Ma avrà comunque piena autonomia gestionale e clinica. Come accade da sempre, per esempio, all’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi).
No. Il Cardio ha detto no già in primavera. Vuole un’autonomia finanziaria difatti impossibile entrando dalla fine del 2020 all’interno dell’Eoc. Ed è così che nelle scorse settimane i vertici della fondazione, presieduta da Giorgio Giudici, hanno annunciato la decisione di chiamare i ticinesi al voto. Un’iniziativa popolare forse per chiedere una modifica della legge sanitaria. Una modifica che permetta... Quali siano le intenzione del Cardio esattamente ancora non si sa, ma certamente l’obiettivo è quello di far sì che l’Eoc possa collaborare con strutture sanitarie private come il Cardio.
Nel frattempo, come detto, l’Eoc ha assicurato la propria disponibilità a dialogare nuovamente. "Vi comunichiamo che siamo volentieri a disposizione per discutere e trovare soluzioni concrete ai punti da voi segnalati", così l’Eoc ha scritto al Cardio lo scorso 27 luglio. Per poi specificare i punti fermi da affrontare, a partire da quello che più ha diviso e dividerà: la "creazione di una nuova governance che possa effettivamente garantire la piena autonomia medica e gestionale del futuro istituto".
L’Ente così come il governo parla di autonomia gestionale. Ma non di autonomia finanziaria, che è quella però richiesta dal Cardiocentro. Come detto una autonomia oggi impossibile dato che il denaro dal 2021, quando la Fondazione cesserà di esistere, sarà pubblico.
Nella lettera al Cardio, l’Ente assicura ancora una volta "garanzie sulle condizioni di lavoro future del personale, sulla missione, sul ruolo e sui valori del Cardiocentro". Non solo. L’Ente conferma la propria disponibilità a "definire il grado di autonomia della gestione del futuro Cardio". Insomma, autonomia in tutto e per tutto, come è per l’Istituto oncologico o il Neurocentro, ma non finanziaria.
L’Ente ha da tempo, inoltre, garantito il mantenimento di tutti i dipendenti alle attuali condizioni e per almeno cinque anni. Una garanzia ribadita anche ai sindacati lo scorso 11 giugno con una lettera in cui si ricordava la necessità di conoscere l’attuale organico del Cardiocentro e soprattutto i salari erogati sia ai dipendenti sia ai vertici. Richiesta avanzata mesi fa anche dal governo. Sino ad oggi però non è arrivata alcuna risposta.

pguenzi@caffe.ch
12.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento