Com'è nato il nuovo fronte ticinese populista
Immagini articolo
La sponda identitaria
sull'asse Lega e Udc
LIBERO D'AGOSTINO


Non ci sono solo Udc e Lega. La votazione del prossimo 25 novembre sull’iniziativa democentrista "Contro i giudici stranieri", misurerà l’estensione e il peso del fronte sovranista ticinese. Un primo test cruciale a cui seguirà un altro voto decisivo, quello sulla libera circolazione delle persone. La madre di tutte le iniziative udc che, attaccando frontalmente uno dei principi cardine dell’Unione europea, punta a scardinare il più delicato accordo bilaterale con Bruxelles. Succeda quel che succeda, dopo tante battaglie i sovranisti muovono ora all’assalto finale contro l’Ue.
Il primato dello Stato nazione, delle sue prerogative al di sopra dei trattati con gli altri Paesi e del diritto internazionale, e la difesa identitaria sono la sostanza di un sovranismo che va bene al di là della vecchia trinità nazionalista Dio, patria e famiglia. Configurando un neoconservatorismo a largo spettro capace di attrarre non solo a destra ma anche a sinistra.
Se, come scrive Giuseppe Valditara, uno dei teorici del sovranismo italiano e ispiratore del ministro dell’Interno Matteo Salvini, la vera contrapposizione politica odierna sta nella scelta "tra mondialismo e identità, fra internazionalismo e nazione, fra cosmopolitismo e sovranità, fra immaterialità e territorio, fra oligarchia e democrazia, fra nomadismo e casa", si capisce come nell’area sovranista si condensano sentimenti e risentimenti che oltrepassano la tradizionale destra nazionalista.
I bisogni identitari e le pulsioni protezionistiche, i risentimenti legittimi degli sconfitti della globalizzazione e il rancore contro gli stranieri, gli odiosi euroburocrati e la famelica finanza internazionale, sono la materia prima di quella dicotomia amico-nemico su cui Salvini ha costruito la sua fortuna elettorale. In Italia, come in Svizzera e in Ticino, i nemici possono essere di volta in volta, gli stranieri - richiedenti d’asilo, migranti o frontalieri che siano -, i rom, Bruxelles, gli "spalancatori di frontiere" e le "élite multikulti". È questo il terreno su cui sta prosperando il neonazionalismo populista di cui il sovranismo è l’espressione politica più elaborata.
Nel cantone il perno su cui ruota questa area sovranista resta l’asse Lega-Udc, che da quasi trent’anni dà battaglia contro l’Europa e l’invasione degli stranieri. Mobilitando anche le frange più conservatrici degli altri partiti e gli scontenti della sinistra, con un impatto, perciò, di gran lunga superiore alla sua forza elettorale. La decisione di qualche giorno fa dell’Unione sindacale svizzera e di Travail.Suisse di boicottare la discussione con il Consiglio federale sulle misure di accompagnamento alla libera circolazione, proietta ombre pesanti anche sulla votazione del 25 novembre.
Lega e Udc ormai si assomigliano sempre più. Scomparsa quella linea sociale, ormai relegata a fondazione caritatevole, che la differenziava nettamente dai democentristi, e priva di leadership, oggi ad incarnare l’immagine della Lega sono soprattutto i suoi due ministri. Claudio Zali che si presenta al popolo leghista in maglietta Lacoste, con quel "coccodrillo" che vorrebbe riverberare la continuità con un passato che non esiste più, e Norman Gobbi che, sebbene abbia perso smalto agli occhi del movimento, resta a tutti gli effetti l’ufficiale di collegamento con un’ Udc che si sta liberando della storica sudditanza verso via Monte Boglia. Un partito che con l’adesione di Area Liberale di Sergio Morisoli si è dato una cifra teorica liberal conservatrice, che aspira a mobilitare e aggregare i liberali di destra che vivacchiano ai margini del Plrt e del Ppd.
Il voto sui "giudici stranieri" e quello sulla libera circolazione, comunque vada, rafforzerà la capacità di attrazione dell’area sovranista ticinese che pare destinata sempre più ad avere una trazione democentrista. l.d.a.
12.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento