Il successo di Matteo Salvini e del populismo europeo
Immagini articolo
La rapida parabola
da tribuno a leader
DAVID ALLEGRANTI


La specifica distinzione politica alla quale è possibile ricondurre le azioni e i motivi politici è la distinzione di amico e nemico", scrive il filosofo tedesco Carl Schmitt ne "Le categorie del politico". È insomma il nemico che permette al politico di esistere. La storia di Matteo Salvini, da pochi mesi ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio italiano, ne è la testimonianza più forte nel panorama europeo. Prima della nascita del nuovo esecutivo, Salvini era solo il capo-tribuno della Lega e il nuovo leader del centrodestra. Un risultato certamente non secondario, visto che in cinque anni da segretario, il suo partito è passato dal 4,1 per cento del 2013 al quasi 18 del 4 marzo 2018, facendo dimenticare le disavventure giudiziarie dei suoi predecessori (la Lega è cresciuta più di tutti gli altri, da 1.390.534 voti a 5.691.921). Tuttavia, Salvini si è superato ed è riuscito a diventare il vero padrone dell’esecutivo, a discapito dell’effettivo presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, professore di diritto privato all’università di Firenze, suggerito dall’altro partito al governo, il M5S.
Il successo di Salvini, ex consigliere comunale di Milano ed ex parlamentare europeo, arriva in realtà da lontano. Negli ultimi cinque anni ha trasformato la vecchia Lega Nord da partito territoriale, concentrato soprattutto nel Nord d’Italia, a partito generalista, nazionale e nazionalista, coltivando simpatie euroscettiche. Ha individuato, appunto, alcuni "nemici del popolo" precisi (i migranti, l’Unione Europea e i suoi vertici) ed è riuscito a far diventare mainstream nell’elettorato italiano le preoccupazioni sull’immigrazione e la sicurezza, denunciando un’"invasione" inesistente da parte di migranti e rifugiati e attaccando le Ong che li salvano. Sono i numeri, peraltro, a certificarlo: secondo i dati dello stesso ministero dell’Interno, nel periodo tra il primo gennaio e il 6 agosto, sulle coste italiane sono sbarcate 18.872 persone, l’80,43 per cento in meno rispetto allo stesso periodo del 2017 e il l’81,07 per cento in meno rispetto al 2016. L’"invasione" insomma non c’è, mentre i problemi dell’Italia sono altri, dall’enorme debito pubblico (2.300 miliardi) alla corruzione. A Salvini, però, conviene parlare di migranti, perché gli permette di conquistare tv e titoli di giornali. È anche un modo per cercare validi alleati in Europa tra i sovranisti populisti. Il prossimo anno d’altronde ci sono le elezioni europee che potrebbero cambiare il volto di Bruxelles.
Secondo un’analisi dell’Istituto Cattaneo, tra i partiti critici o più scettici verso il progetto dell’Ue, si nota anzitutto l’espansione dei gruppi di destra o centrodestra (Ecr, Efdd, Enf), che potrebbero passare dall’attuale 16,5 per cento dei seggi a poco meno di un quarto di eurodeputati nella prossima legislatura (24 per cento). Non un’"ondata fascista", ma una crescita significativa sì. Salvini potrebbe approfittarne per far crescere ulteriormente il proprio consenso interno. E anche se probabilmente non ha un disegno organico di ricostruzione dell’Unione Europea - alcuni tra i suoi dirigenti di partito, compresi gli economisti euroscettici, semplicemente vorrebbero uscirne, così come vorrebbero uscire dalla zona euro - è evidente che i suoi compagni d’avventura populisti, come il gruppo di Visegrád, possono essergli utili anche per perseguire suoi interessi di bottega.
Il capo della Lega intende presentare le prossime elezioni europee come uno scontro fra "élite e popolo"; da una parte il tradizionale blocco liberale, socialdemocratico che ha governato finora l’Europa - definito sprezzantemente "tecnocratico" dagli avversari - e le sue istituzioni a Bruxelles, dall’altra un "popolo", di cui Salvini sarebbe portavoce, aggredito dall’immigrazione. L’affermazione dei sovranisti, anche senza un progetto ideologico comune, realizzerebbe lo scenario descritto dal politologo Ivan Krastev in "After Europe", libro che meriterebbe una traduzione in lingua italiana. Finora la letteratura distopica non ha preso mai in considerazione l’ipotesi di una disgregazione dell’Europa, ma la crisi dei rifugiati, scrive Krastev, "è l’Undici Settembre europeo". Salvini e i suoi alleati sono pronti a trasformare quella distopia in triste realtà. "La caratteristica principale del populismo è l’ostilità non all’elitismo ma al pluralismo", aggiunge il politologo bulgaro. E infatti i sovranisti, in Europa e altrove, usano élite ed elitario come un insulto, ma è in realtà la società aperta il loro avversario.
12.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata