Dopo il dramma dell'anziano, un quadro dell'indigenza
Immagini articolo
Tra mense e chiese
poveri sempre più soli
ANDREA BERTAGNI


Più che povero era solo. C’era soltanto un’infermiera che  bussava ogni tanto alla porta del suo appartamento a Pregassona. Quello stesso appartamento dove l’uomo, 76 anni, recentemente è stato trovato morto ustionato. Il vizio del fumo gli è stato fatale. È solo l’ultimo dramma, anche questo consumatosi in silenzio. Come in silenzio si srotolano le difficoltà quotidiane di oltre 1.700 persone. Poveri, anzi precari, che da Lugano a Locarno, da Bellinzona a Mendrisio ogni settimana si mettono in fila per avere pane, uova, pasta e latte. Parecchie decine di migliaia sono quelle che ricevono una mano dallo Stato per coprire i costi dell’affitto, della cassa malati, della scuola o del dentista per i figli. A vivere sotto la soglia della povertà in Ticino sono in 60mila. E continuano ad aumentare. Come dimostra la crescita dei beneficiari dell’assistenza sociale, passati da 7.050 nel 2015 a 7.944 nel 2016. Ma raddoppiati, se si confrontano i dati di oggi con quelli del 2012. Un’esplosione silenziosa che tocca giovani, famiglie e anziani.
"Il costo della vita è aumentato, ma i salari no", dice Manuela Nünlist, direttice del Soccorso d’inverno ticinese. Risultato? Chi è in difficoltà fa fatica ad arrivare alla fine del mese e cerca sostegno. D’altronde il calcolo è presto fatto. "Una famiglia con un reddito di 4’500 franchi che deve sostenere un affitto di 2’000 e un costo della cassa malati di 1’000 - continua Nünlist - avrà ben poco denaro il 30 del mese". Ma, invece di correre ai ripari, si taglia. Tutto questo quando, secondo gli ultimi dati, il 31% della popolazione cantonale è a rischio povertà. Confrontate con stipendi bassi, contratti a tempo determinato e precarietà, sono soprattutto le famiglie monoparentali.
"Sono scioccato, non se ne discute abbastanza, eppure bisognerebbe guardare in faccia la realtà". Don Gianfranco Quadranti, sacerdote di Mendrisio, sa di cosa parla. "Sono più di 20 anni che durante la prima messa del mese raduniamo ogni sorta di generi alimentari. Tutti dovremmo impegnarci per risolvere questa situazione".
A cominciare dal settore cantonale dell’aiuto sociale. Un esempio? "Perché una famiglia di 2 persone deve trovare un affitto inferiore ai 1’200 franchi mensili per ricevere una prestazione sociale? Non è giusto". Eppure c’è chi a Berna, come i deputati alle Camere federali, in questi giorni sta decidendo di tagliare nelle prestazioni complementari delle casse malati. "Noi cerchiamo di fare quello che possiamo - osserva don Pierangelo Regazzi, arciprete di Bellinzona - non però solo attraverso aiuti a innaffiatoio, ma prendendo contatto con le persone che chiedono un sostegno e cercando di aiutarle concretamente".
Intanto le associazioni che si prendono cura dei più bisognosi sono sempre di meno. Quelle che rimangono tengono però duro come Tavolino magico e Caritas Ticino. "Nei nostri negozi entrano spesso persone che hanno difficoltà a comperare l’arredamento di casa - spiega Marco Fantoni, direttore di Caritas Ticino -. Le accogliamo nel nostro servizio sociale per approfondire la situazione e valutare come aiutarle".

an.b.
16.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi