Nella vicenda Mizar emergono altri conflitti di interesse
Immagini articolo
Non solo Giudici
ma anche Jelmini
ANDREA STERN


È l’ennesimo palese conflitto di interessi di Giorgio Giudici". Tra i capigruppo in Consiglio comunale a Lugano, Nicola Schoenenberger dei Verdi è quello più critico sulla modalità di assegnazione dei lavori da 8 milioni di franchi per la ristrutturazione dello stabile Mizar. "Dal punto di vista legale il Municipio non ha sbagliato - spiega Schoenenberger -, ma politicamente sì. È il classico inciucio alla luganese. Se si vuole proiettare la città verso il futuro, bisogna farlo con trasparenza. Quindi con un concorso pubblico. L’eccellenza scientifica si basa sulla competizione, sulla trasparenza, appunto. Ma se questa cultura manca già dall’inizio, non è un bel segnale per il futuro".
Perplessi sono anche gli udc, che per voce del capogruppo Tiziano Galeazzi annunciano  di voler approfondire la questione in Commissione della gestione. "Al momento non abbiamo gli elementi per esprimerci - dice -, ma vogliamo capire cosa c’è dietro". Anche perché l’architetto Giudici, già sindaco plrt di Lugano, non sarebbe l’unico membro del Cardiocentro a essersi accaparrato una parte della torta milionaria assegnata senza concorso pubblico. A occuparsi del rogito per la compravendita dello stabile destinato a ospitare il polo di ricerca medica sarebbe infatti l’avvocato Giovanni Jelmini, ex presidente cantonale del Ppd, anche lui presente nel Consiglio di fondazione dell’"ospedale del cuore". Mentre è opera di un leghista il rogito per la costituzione della Lugano Medtech, la fondazione presieduta dal municipale Michele Foletti che sarà chiamata a gestire il polo di ricerca. Si tratta del consigliere comunale Enea Petrini. Nel suo caso si parla però di un lavoro di poche migliaia di franchi.
C’è quindi un’ampia presenza della politica nei lavori di ristrutturazione dello stabile Mizar. Ma i partiti rappresentati in Municipio non vedono alcun conflitto d’interessi. "Queste sono scelte che spettano al proprietario dello stabile, quindi a Swisslife - ribatte Lukas Bernasconi, vicecapogruppo della Lega -. Il Municipio ha fatto tutto alla luce del sole. In Consiglio comunale ha detto chiaramente che il Mizar sarebbe stato acquistato già ristrutturato. La soluzione più semplice, veloce e sicura. Poi se i lavori li esegue l’uno piuttosto che l’altro, politicamente è per noi un aspetto secondario". Bernasconi aggiunge che per la Lega ciò che conta è che il progetto possa andare in porto. "Siamo dispiaciuti per questi ritardi dovuti alla diatriba tra Cardiocentro ed Eoc - afferma -. Speriamo che si arrivi presto a una soluzione".
Un parere condiviso dal Ppd. "Il messaggio municipale ha indicato chiaramente che la Mizar Sa avrebbe ripreso lo stabile solo una volta effettuati i lavori - ricorda il capogruppo Michel Tricarico -. È stata un’operazione trasparente, non c’è nulla che non sia stato messo a conoscenza del Consiglio comunale". Il capogruppo ppd sottolinea che "l’obiettivo della Città era ed è tuttora quello di facilitare la partenza di questo ambizioso progetto che potrà offrire grandi prospettive di sviluppo".
Più criptica è la posizione del Ps, la cui capogruppo, Simona Buri, si limita ad affermare: "Abbiamo deciso di non esprimerci sul tema". Peccato, perché di materia di discussione ce ne sarebbe. Persino il Plrt, partito di Giudici, riconosce la necessità di fare luce sulla situazione nell’interesse dell’opinione pubblica. "Prenderemo posizione - assicura la capogruppo Karin Valenzano Rossi -, dopo averne parlato all’interno del nostro gruppo e in Commissione della gestione".

a.s.
16.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14