I "soldati di ventura" potrebbero sostuire le truppe a Kabul
Immagini articolo
I mercenari in marcia
verso l'Afghanistan
GUIDO OLIMPIO


Erik Prince ci riprova con il suo piano. In Afghanistan invece che usare soldati occidentali sarebbe meglio impiegare mercenari - è la sua tesi - perché più economici e portano maggiore efficienza. L’uomo che è diventato famoso al mondo con la sua società di guardie private Blackwater, oggi ribattezzata Academy, insiste con il progetto ambizioso quanto controverso.
Già alcuni mesi fa si era lanciato offrendo la proposta direttamente alla Casa Bianca, prefigurando la nomina di una sorta di Vicerè, ma si era scontrato con l’opposizione del Pentagono e di molti alti funzionari, dal segretario alla Difesa Jim Mattis al quello di Stato Rex Tillerson. Per loro la guerra deve restare in mano all’amministrazione, anche se parte delle attività (e non solo nel quadrante afghano) sono svolte proprio da società a contratto. Prince, però, crede che i tempi siano propizi per un mutamento. Gli Usa, insieme ai partner Nato, si battono contro gli insorti afghani da 17 anni, un impegno gravoso per il quale non si intravvedono soluzioni immediate. Dunque ecco la formula spiegata in una recente intervista a Military Times.
Innanzitutto i costi. Secondo i suoi calcoli il conto si aggira sui 5 miliardi di dollari l’anno, cifra ben al di sotto di quanto speso dal 2001, quasi 753 miliari. E le stime dicono che ne serviranno circa 45 per i prossimi due anni. Il tema del budget è sensibile in quanto Donald Trump è molto attento alla "voce" spesa nel bilancio.
Il secondo aspetto riguarda i numeri. Prince afferma che potrebbero bastare 6 mila "contractors" (al 60% statunitensi) e duemila membri delle forze speciali occidentali che sarebbero inglobati nel contingente a livello individuale, questo per sottrarsi alle regole di ingaggio poste dai rispettivi governi. Durata dell’impegno almeno tre anni continuativi, senza alcuna rotazione che spezzi i tempi dell’intervento. Il pacchetto, inoltre, prevede una componente aerea, con caccia e elicotteri, dove ci sono equipaggi misti: per Prince deve essere afghano l’operatore che sgancia l’ordigno. Quanto alle responsabilità in caso di errori durante la campagna saranno esaminate dai tribunali locali in accordo con la corte militare. Infine a guidare questa struttura resterebbero gli Stati Uniti in stretto coordinamento con le autorità di Kabul. Nelle intenzioni dell’imprenditore lo schema rende tutto più agile, consente la smobilitazione dei 15 mila americani e degli 8 mila soldati Nato rimasti in zona, supera le pastoie.
Per i critici l’iniziativa racchiude troppe insidie. Il "prezzo" è sulla carta - ribattono -, è noto che tende a salire una volta che si entra nella fase esecutiva ed emergono le prime difficoltà. C’è il rischio di abusi, come è già avvenuto in Iraq, di mancanza di controllo effettivo: privatizzare una guerra vuol dire sottrarla ad un controllo più stretto da parte del potere politico (Congresso, parlamenti). E poi non risolve la questione fondamentale: il mini-esercito deve contare sull’abilità e preparazione dell’apparato bellico afghano rivelatosi fragile nonostante l’aiuto esterno.
Considerazioni normali, ma che si scontrano con la rassegnazione dell’Occidente, sempre più convinto che questa partita sia ormai persa nonostante i sacrifici di tante vite, italiane comprese. E dunque magari Prince è convinto di poter offrire una via d’uscita al presidente. Guadagnandoci.
16.09.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14