Disavanzi per 29 milioni e mancati accantonamenti
Immagini articolo
I bilanci del Cardio
al vaglio della Vigilanza
PATRIZIA GUENZI


L’Ente ospedaliero cantonale, Eoc, lo va dicendo da mesi. La situazione finanziaria del Cardiocentro è difficile. Lo ha scritto e spiegato in primavera anche al Governo. E d’altra parte le cifre ufficiali registrate anche dall’Ufficio federale della sanità sono un’eloquente dimostrazione della precarietà finanziaria iniziata ormai da qualche anno, sostengono i vertici dell’Ente ospedaliero. In sei o sette anni i disavanzi riportati ammontano a quasi 29 milioni di franchi.
L’Ente ha espresso le proprie preoccupazioni già in primavera e le ha ribadite anche ora. Una quindicina di giorni fa ha scritto all’autorità ticinese di Vigilanza sulle Fondazioni, essendo il Cardiocentrro gestito dal 1995 da una fondazione privata, appunto. Una lettera di analisi e delle considerazioni doverose in vista dell’inevitabile scioglimento della Fondazione, alla fine del 2020 quando la struttura sanitaria, stando agli statuti, dovrà passare all’Eoc. Così come voluto dal medico tedesco Eduard Zwick che a metà degli anni Novanta donò circa 30 milioni di franchi.
Negli uffici dell’autorità di Vigilanza sulle fondazioni la lettera dell’Ente è una sorta di patata bollente. Quella lettera, commenta chi la sta leggendo e rileggendo, entra nei dettagli della "precarietà" finanziaria del Cardio. E vi entra con preoccupazione, appunto, nonostante la conferenza stampa dello scorso maggio in cui il Cardiocentro, rispondendo ad alcuni servizi del Caffè, rese noti alcuni numeri. Cifre che per il 2017 mostrano un’ulteriore perdita di esercizio  di 5 milioni. Milioni destinati agli investimenti per la ricerca.
Cinque milioni. Una cifra considerevole che, stando ad alcune assicurazioni date precedentemente, avrebbe dovuto non superare i 3 milioni. Tre milioni, a diffrenza dei sei o sette che in passato venivano stanziati annualmente all’indirizzo di una fondazione, la Fcre presieduta da Mario Mantegazza ma fra i cui scopi statutari non figura la gestione di progetti di ricerca scientifica (vedi articolo qui a destra).
Le preoccupazioni dell’Ente sono dunque giustificate da cifre nero su bianco. E alla Vigilanza cantonale sulle fondazioni non  si può ora voltare gli occhi dall’altra parte. Dove sono, ci si chiede facendo eco agli interrogativi dell’Ente ospedaliero, i 5 milioni che il Cardiocentro avrebbe dovuto accantonare per la costituzione della società immobiliare Mizar in partenariato con Lugano?!  Il consiglio comunale luganese aveva infatti nel novembre del 2016 deliberato un credito di 10 milioni di franchi (vedi articolo principale a sinistra), e il Gran consiglio un mese dopo aveva approvato una fidejussione per un valore di 5 milioni a favore della società immobiliare Mizar.
Non è tutto. Alla Vigilanza cantonale non possono non vedere che non c’è alcuna traccia nei bilanci, è quel che sostiene da mesi l’Eoc, degli accantonamenti necessari perché il Cardiocentro tra il 2021 e il 2026 rilevi dalla Città di Lugano una parte del suo pacchetto azionario, cioè parte di quei 10 milioni già stanziati. In che modo: il 25%  entro il 30 novembre 2021 al prezzo di almeno il valore nominale dei titoli, ovvero 2 milioni e mezzo, e un altro 25% delle azioni entro il 30 novembre del 2026.
Dunque: 5 milioni subito e 5 milioni entro il 2026. Ma dove si trovano questi accantonamenti ha chiesto il Cardio alla Vigilanza sulle fondazioni.
Non solo preoccupano i quasi 29 milioni di disavanzo accumulati ma anche, ora sembrano commentare all’unisono Ente e Vigilanza, una limitata disponilità di liquidità. E tutto ciò a tre anni dalla scadenza di fine dicembre 2020, a tre anni cioè dallo scioglimento della Fondazione Cardiocentro.
La lettura dei bilanci giustifica dunque il crescente disinteresse del Cardio verso il Mizar.

pguenzi@caffe.ch
16.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14