In assistenza chi ha denunciato i maltrattamenti di Balerna
Immagini articolo
"Chi segnala soprusi
non trova più lavoro"
PATRIZIA GUENZI


Ottocento domande, centinaia di telefonate e colloqui e, sempre, lo stesso ritornello: "Non abbiamo bisogno" o "La nostra scelta è caduta su un altro candidato". Emilia Zukanovic, 50 anni, dopo due anni di tentativi infruttuosi e ormai ad un passo dall’assistenza e dal pignoramento del suo piccolo appartamento di Chiasso, ha deciso di denunciare, dice senza tanti giri di parole, "l’omertà che avvolge il settore sanitario del cantone" e di chiedere al ministro della Sanità, Paolo Beltraminelli, "perché io e i miei colleghi che abbiamo avuto il coraggio di scoperchiare gli orrori di Balerna ora non troviamo più un lavoro, neanche per fare le pulizie, né nel privato né nel pubblico".
Nelle stesse condizioni A.C., 30 anni, e P.S., 31. I due preferiscono mantenere l’anonimato: "Abbiamo già subito abbastanza", dicono. "Certo, aver fatto il nostro dovere, testimoniare le angherie nei confronti degli ospiti ci ha condannati alla disoccupazione - riprende Emilia -. E ne ho le prove: ad ogni colloquio la domanda è sempre ‘lei da che parte stava?’. Ma da quella giusta, visto che le nostre segnalazioni sono risultate vere!".
Segnalazioni iniziate nel 2011 e sfociate, solo nel 2015, in un atto d’accusa per un’assistente di cura. "Abbiamo osato denunciare le angherie verbali e fisiche che per anni hanno subito una ventina di ospiti della casa anziani. Ecco il risultato". "Abbiamo perso tutto, oltre ai soldi anche la salute - aggiunge A.C -. Io ho dormito in auto per mesi prima di trovare una persona che garantisse per me l’affitto di un appartamento pur di non chiedere l’assistenza. Ma un lavoro devo trovarlo. Altrimenti di che campo?",
Per campare, Daniela Bordogna, 59 anni, la sua parte di casa in val Morobbia pignorata perché si è rifiutata di chiedere l’assistenza, si è trasferita da suo figlio all’estero. "Abbiamo inviato domande di lavoro in tutto il Ticino, da Chiasso a Faido a Intragna - riprende Emilia -. Quando sanno che veniamo da Balerna ci chiudono la porta. Pare una congiura. C’è chi mi ha suggerito di togliere Balerna dal curriculum... ma sono 8 anni!". E A.C. nota: "Probabilmente tutelare ospiti indifesi non conviene. Almeno qui in Ticino. Se avessimo chiuso gli occhi oggi saremmo ancora tutti e quattro al nostro posto con uno stipendio a fine mese".  
Ripercorrendo velocemente i fatti, ricordiamo che solo nel 2017 l’ex assistente di cura della casa di Balerna al centro delle segnalazioni è stata condannata per ripetuta coazione a 12 mesi di detenzione sospesi. Nel frattempo, nel 2015, era stato aperto un secondo troncone dell’inchiesta nei confronti di altri tre impiegati e lo scorso novembre uno di loro, un assistente di cura, è finito in aula con l’ipotesi di reato di coazione, ripetuta tentata e consumata. "Abbiamo anni di esperienza in un settore in cui la crisi non c’è - conclude Emilia -. E per noi l’unica soluzione è l’assistenza? Chiediamo solo un lavoro, qualsiasi, che ci permetta di vivere dignitosamente".

p.g.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14