Interrogativi su mancati pagamenti per i rimborsi del Cantone
Immagini articolo
Argo potrebbe chiedere
200mila franchi di spese
LIBERO D'AGOSTINO


Nella montagna di carte del caso Argo1, c’è ancora un buco nero. Il Cantone non avrebbe infatti rimborsato, come era previsto dal contratto, le spese di trasferimento e le indennità per il tempo del viaggio degli agenti che, dalla sede di Cadenazzo, dovevano raggiungere il centro richiedenti d’asilo di Peccia, la cui sorveglianza era stata affidata all’agenzia di sicurezza. A conti fatti dovrebbe trattarsi di una somma che potrebbe arrivare sino a 200mila franchi.
Un rimborso inevaso che sinora sembra essere sfuggito ai funzionari dell’Ufficio del sostegno sociale, al Controllo cantonale delle finanze, alla Commissione parlamentare d’inchiesta e al curatore fallimentare che si sta occupando della liquidazione della società di sicurezza. Fatto è che Argo 1 non ha mai presentato le fatture per queste spese, con i relativi riscontri giustificativi,  e il Cantone non ha mai pagato. "Non so perché l’amministrazione di Argo1 non abbia mai presentato queste fatture per Peccia - afferma l’ex responsabile operativo della società Marco Sansonetti -. Ma leggendo il rapporto della Commissione d’inchiesta posso immaginare che si tratti di una svista da parte dei contabili di Argo1 e del Cantone. Infatti, è impensabile nel prezzo fatto da noi di 35 franchi all’ora, che era già molto basso, fossero comprese anche i costi delle trasferte e le indennità per il tempo di viaggio".
Nel novembre del 2017 l’avvocato di Davide Grillo, ex amministratore unico della società di sorveglianza, aveva segnalato all’Ufficio dei fallimenti di Locarno che il Cantone non aveva mai pagato le indennità di trasferta dei dipendenti di Argo 1 per una somma stimata tra i 30-40mila franchi. Sollecitando, perciò, l’Ufficio dei fallimenti ad avviare le opportune verifiche con l’amministrazione cantonale. Rispondendo a questa richiesta la Divisione dell’azione sociale del Dss, che ha gestito i rapporti con Argo1, elencava le fatture saldate alla società di sicurezza, precisando "che la stessa non ha mai esposto sistematicamente le spese di trasferta, e ciò tenuto conto del fatto che essa faceva per la più parte del tempo, uso di un veicolo (Fiat Doblò) messole a disposizione dallo Stato come da contratto". Ma leggendo questa risposta si nota che le fatture pagate si riferiscono al servizio di Argo1 per gli asilanti a Lumino e ad altre prestazioni, mentre Peccia non viene citata.
Nella denuncia per i pagamenti in nero degli agenti di Argo 1 inoltrata alla magistratura dal sindacato Unia, si stimava una cifra di circa 400mila franchi che, come spiega il sindacalista Osvaldo Formato, comprendeva " le differenze salariali sulla base del contratto collettivo e le spese per le trasferte e il tempo di viaggio". Se si guarda il contratto sottoscritto da Argo 1 e dal Cantone, al punto 8.1 si nota che il servizio prestato a Peccia rientra nella "Zona forfettaria 2" che riconosce un importo forfettario di 21 franchi per le spese di trasferta e di 16.80 franchi per le indennità di viaggio. Tenuto conto del fatto che a Peccia Argo1 impiegava 6 agenti e ipotizzando che almeno tre di essi sostenevano giornalmente questi costi di trasferta, su un servizio prestato per 525 giorni, si potrebbe facilmente arrivare ad una somma attorno ai 200mila franchi. Cifra che non dovrebbe essere lontana da quella stimata da Unia per le spese e il tempo del viaggio.
Vero è che a Peccia Argo1 aveva affittato un appartamento per 1200 franchi al mese, in modo da evitare agli agenti la trasferta quotidiana dalla sede di Cadenazzo. Tuttavia, almeno due o tre  dei suoi agenti affrontavano ogni giorno questa trasferta, con le relative spese. Costi mai fatturati e mai pagati.

ldagostino@caffe.ch
10.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14