Le candidate al governo chiedono una vera parità
Immagini articolo
"Maschi fateci spazio
è ora di cambiare"
CLEMENTE MAZZETTA E ANDREA STERN


Uomo/donna: stessi diritti. Un’uguaglianza scritta nella Costituzione federale dal 14 giugno 1981, che garantisce la parità di trattamento e obbliga le autorità ad eliminare ogni discriminazione. "Ma questa parità è solo sulla carta", commenta Cristina Maderni, candidata al Consiglio di Stato per il Plrt. "Non sono bastati 38 anni per mettere in atto questo principio - aggiunge Laura Riget, del Ps -. È ora di dare un’accellerata". Per questo, riprende Maderni, "sta anche a noi donne accettare le sfide, accettare di essere coinvolte".
Per la terza puntata del dossier sulla parità tra uomo e donna, il Caffè ha interpellato le 16 candidate al governo. Tutte vogliono lottare concretamente per un’effettiva parità. Perché, ricordiamolo, il Consiglio di Stato è oggi un monopolio maschile. E nella storia ticinese si contano solo tre rappresentanti femminili in governo, Marina Masoni, Patrizia Pesenti e Laura Sadis. Attorno a loro solo uomini. Che fare per correggere questo disequilibrio? Promuovere l’uguaglianza con interventi diretti e di politica sociale? Con le quote rosa, o con misure concrete di conciliabilità famiglia/lavoro? Fare come l’Islanda che dal 2018 ha una legge che punisce le discriminazioni salariali fra uomo e donna? Ma c’è un altro tema che s’accompagna a quello dell’uguaglianza sul posto di lavoro, ed è quello del rispetto della donna. Partito con il movimento femminista "Me too" negli Usa che si è trasformata in una denuncia mondiale contro gli abusi che troppe donne subiscono in silenzio. Molestie che - aggiunge Samantha Bourgoin, dei Verdi - avvengono a diversi livelli, in modo trasversale. Che fare? "Solo denunciando, solo avendo il coraggio di dare l’esempio spezzeremo questa catena, scoraggeremo i molestatori". E la parità? "La parità non è ancora stata raggiunta - dice Claudia Crivelli Barella, dei Verdi -. Ma dobbiamo volerla tutti, uomini e donne. Solo così avremo una società e un mondo migliore". Dev’essere una conquista sociale, senza paletti artificiali, aggiunge Roberta Soldati, candidata Udc: "No alle quote rosa: sono svilenti per le donne. Ci vogliono piuttosto delle agevolazioni".
Angelica Lepori, candidata Mps-Pop-Indipendenti, sottolinea che le disparità salariali sono aumentate:  "Anche per il lavoro domestico non c’è un’equa distribuzione. Ma per conquistare la parità l’unico modo è riattivare il movimento delle donne". Un’idea fatta propria dal neonato movimento "Più donne", che presenta una lista esclusivamente femminile. "Ci lanciamo - spiega Maura Mossi Nembrini - perché siamo convinte che siamo noi donne a dover farci coraggio e uscire dalla collocazione in cui si cerca di inserirci. Non dobbiamo avere paura di esporci e rivendicare i nostri diritti". Tamara Merlo, candidata sulla medesima lista, sostiene che "per arrivare a un’effettiva parità bisogna partire dall’educazione. Bisogna combattere gli stereotipi secondo cui certi compiti sono prerogativa maschile e altri femminile".
Anche Lea Ferrari, giovane candidata del Partito comunista, osserva che "per raggiungere la parità ci vuole un cambiamento culturale della società che è sottilmente maschilista". Simona Arigoni, lista Mps-Pop-Indipendenti, ricorda che "in altre parti del mondo, per esempio in Nuova Zelanda, il diritto al voto alle donne è stato concesso un secolo prima che da noi".
Il resto del mondo, o meglio la Scandinavia, viene indicato come esempio positivo anche da Amalia Mirante, candidata del Ps. "Se vogliamo la parità - dice - basta seguire il loro esempio". Mentre sul purtroppo sempreverde tema delle molestie sessuali Mirante invita a "non trasformare le vittime in carnefici, come purtroppo spesso accade". Chi denuncia abusi "deve sempre essere preso sul serio, sostenuto e protetto - aggiunge -. Altrimenti rischia di essere due volte vittima".
Ascolto e protezione, dunque, ma anche tolleranza zero. "Chi commette atti di violenza - osserva Tamara Merlo di Più donne - deve essere punito severamente. In questi casi la clemenza dei giudici non fa altro che rendere più deboli le vittime". La candidata ppd Alessandra Zumthor sottolinea inoltre che "una maggiore presenza di donne ai cosiddetti piani alti permetterebbe di meglio combattere il problema delle molestie". Poiché, riconosce, "è vero che ci sono tanti uomini in gamba, ma una donna capisce al volo la gravità di certi atti. Se riceve una denuncia di abusi, non la prende sottogamba". Una donna ai "piani alti", inoltre, porta quell’energia femminile che può contribuire al successo di un’azienda. "È sempre unendo visioni diverse che si ottengono le soluzioni migliori - evidenzia Jennifer Martinel di Più donne -. Questo vale nel mondo economico, ma anche nelle istituzioni. È chiaro a tutti che in Ticino è necessario un cambiamento. Per questo è fondamentale che le donne vi contribuiscano attivamente, non solo sostenendo i mariti da dietro le quinte".

cmazzetta@caffe.ch
astern@caffe.ch
(3. fine / Le precedenti puntate  sono state pubblicate  domenica 27 gennaio  e domenica 3 febbraio)
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur