L'appello della mamma di una bimba di 10 anni di Bellinzona
Immagini articolo
"Mia figlia ha paura
dei bulli della scuola"
MAURO SPIGNESI


Una volta è tornata a casa con la pancia viola, aveva i segni dei colpi. Un’altra volta l’ho dovuta accompagnare all’ospedale, perché mentre rientrava a casa le hanno tirato un sasso. Le hanno diagnosticato un trauma cranico. Oggi mia figlia arriva davanti alla scuola e quasi non vuole entrare perché ha paura", racconta Elena Piarsica, che lavora nel campo della ristorazione a Bellinzona. La protagonista di questa storia è sua figlia che ha compiuto dieci anni a dicembre. È una bambina intelligente, sveglia, tanto che nonostante abbia fatto parecchie assenze ("senza un’ora di sostegno pedagogico") nel primo quadrimestre ha raccolto una pagella con tutte sufficienze. Ha un solo, piccolo problema, che si trascina dalla nascita, cioè un lieve ritardo motorio. "Ma non per questo - racconta Piarsica - deve essere sistemata, come è accaduto in seconda elementare, in una classe speciale". Da lì, da quella classe, sarebbero iniziati i guai.
Perché la bambina non si è trovata bene con gli altri quattro compagni, tutti più grandi di lei. Da qui una prima richiesta d’aiuto per cambiare scuola, "anche perché - racconta la donna - mia figlia non aveva bisogno di essere inserita in un corso speciale visto che a livello d’apprendimento e di studio non ha alcun problema. A parte qualche leggera incertezza quando scrive in corsivo, che tuttavia si può tranquillamente risolvere". Dopo la richiesta di trasferimento inascoltata, la donna ha presentato ricorso al Consiglio di Stato. Il ricorso è stato accolto e dunque la bambina, secondo quanto racconta la mamma, doveva rientrare nella scuola normale. Un istituto vicino a casa. "Ma quando siamo andate il primo giorno di scuola non risultava iscritta - racconta Piarsica - e alla fine ha perso tre settimane prima di iniziare le lezioni. Poi è stata inserita in un istituto lontano da casa, tanto che mia figlia doveva essere accompagnata dalla Croce verde e dovevo pagare dieci franchi al giorno, che si aggiungevano ai costi di fisioterapia ed ergoterapia. Ho chiesto che venisse trasferita in una scuola vicino a dove viviamo e dove lavoro, anche perché la bambina poteva mangiare con me all’ora di pranzo e poi perché qui, nel nostro quartiere al centro di Bellinzona, dove lavoro io, lei si sa muovere tranquillamente, la conoscono tutti e non ha paura. Ma nulla".
Nel frattempo sono emersi i contrasti con gli altri bambini nella scuola lontano da casa. "Mia figlia - racconta la donna - mi ha detto che è stata picchiata. Ma quando l’ho fatto presente ai responsabili dell’istituto mi hanno detto che i bambini devono risolvere i problemi tra loro, mi hanno fatto capire che io esageravo. Ma mia figlia con me si è confidata e mi ha raccontato come veniva trattata da alcuni, non da tutti, suoi compagni".
Del caso si sono interessate anche le colleghe del locale dove lavora la donna. L’hanno sostenuta, l’hanno aiutata nei momenti difficili. "Ma quando ho capito che mia figlia prendeva ancora colpi e veniva schernita, l’anno scorso ho fatto una segnalazione alla polizia e tutto è momentaneamente rientrato. L’intervento dell’agente con il quale avevo parlato - spiega ancora la donna - è effettivamente servito. Poi quest’anno i problemi si sono ripresentati e ho recentemente fatto una seconda segnalazione alla polizia".
Due avvocati, diversi ricorsi, lettere, spese sanitarie, sono costi che una donna sola che deve fare i conti con un unico salario non riesce a sostenere. "Sto pagando pian piano tutte le spese. Non chiedo nulla, non chiedo favoritismi o altro, non accuso nessuno. Vorrei unicamente che mia figlia possa trovare il posto giusto nella scuola vicina a casa".

mspignesi@caffe.ch
10.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14