GastroTicino invita il Consiglio di Stato a a fare presto
Immagini articolo
"È pronta una legge
per regolare gli Airbnb"
PATRIZIA GUENZI


Adesso basta! Il guanto di velluto va sostituito col pugno di ferro. Come una piovra, i tentacoli degli Airbnb stanno soffocando le città e i centri urbani di tutto il mondo.  E la rivolta contro il portale americano che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi è partita. Anche in Ticino - dove ogni anno vanno persi oltre mezzo milione di franchi di tasse turistiche - gli operatori del settore hanno fatto un passo concreto. "Abbiamo preparato una modifica della legge sul turismo, è pronta e l’abbiamo già presentata al Consiglio di Stato - dice al Caffè Massimo Suter, presidente di GastroTicino -. Speriamo che il messaggio sia approvato da Governo e Parlamento entro l’estate. In questo modo potremo finalmente sapere quanti sono gli Airbnb attivi nel cantone e incassare le tasse di soggiorno".
Solo in Svizzera lo scorso anno la piattaforma americana ha registrato oltre 900mila ospiti, per oltre 3 milioni di pernottamenti. Una fetta che corrisponde al 10% del turismo elvetico. "Deve finire questa zona grigia, per cui chi lavora nel turismo sta perdendo decine di migliaia di franchi", sottolinea Suter. Entro l’estate, dunque, la "nuova" legge sul turismo si spera sia pronta e partire. I proprietari di appartamenti che mettono a disposizione dei turisti da uno a sei letti avranno l’obbligo di annunciarli all’Ente turistico.  "L’urgenza è sentita da tutti, ci sono le elezioni, sì, ma spero che la questione sia affrontata immediatamente dal nuovo governo", auspica Suter.
Un’urgenza che sottolinea anche Aldo Merlini, presidente del consiglio d’amministrazione dell’Ente turistico Lago Maggiore (Etlm): "Non si può più temporeggiare - dice -. Parliamo di un potenziale di 100-150mila pernottamenti persi ogni anno solo in Ticino. Inoltre, non si tratta solo delle tasse non pagate, anche se è un tema fondamentale per il turismo, si tratta pure di una questione di sicurezza. Chi alloggia in questi Aibnb non viene registrato, non esiste alcun controllo, non si sa chi sia".
Un controllo che per Lorenzo Pianezzi non sarà così semplice. "Dobbiamo renderci conto che si tratta di un fenomeno globale e fargli la guerra più di tanto non possiamo - spiega il presidente Hotelleriesuisse Ticino -. Possiamo però almeno arginarlo. Come ha fatto Berna che ad esempio li ha vietati nel centro storico. Certo, le tasse di soggiorno sono un’entrata interessante per il settore turistico. Tuttavia, per noi albergatori chi alloggia negli Airbnb difficilmente entrerebbe nei nostri hotel. Sono però turisti che arrivano nel nostro cantone e qualcosa spendono".
Turisti che cercano proprio alloggi di questo tipo. Come sostiene Stefano Steiger, municipale di Ascona a capo del dicastero turismo: "Queste strutture evidentemente esistono perché c’è una richiesta che va a colmare un preciso segmento di clientela - spiega -. Quella giovane, che vuol fare una vacanza a prezzi bassi. Ma come ogni fenomeno, penso che debba essere regolato per evitare scompensi". Anche per Roberto Badaracco, municipale di Lugano, il problema esiste: "Purtroppo non si è mai pensato di regolamentare il settore e adesso va assolutamente fatto, basta perdere i soldi delle tasse di soggiorno. A Lugano per ora la situazione è sotto controllo, ma se gli Airbnb dovessero aumentare troppo prenderemo dei provvedimenti".
Come molte città hanno ormai già fatto. Non più disposte a tollerare il gigante Usa degli affitti mordi e fuggi. In tutto il mondo è partita la rivolta contro l’invasione. Il governo spagnolo, ad esempio, ha approvato un provvedimento che limita per legge i contratti di affitto in scandenza. E obbliga chi cede la casa per oltre 90 giorni l’anno a prendere una licenza. A Praga agenti speciali stanno controllando i 20mila affittacamere. "È anche una questione di piani regolatori - osserva Pianezzi -. A livello comunale viene deciso il tipo di alloggio per una determinata zona e da lì non si scappa, non è così complicato".
Anche Hotelleriesuisse da tempo chiedeva al governo questa modifica di legge che ora permetterà finalmente di fare un po’ di ordine in un settore che, l’ha definito Suter, "è una giungla e chi è fuorilegge va segnalato". Non ne è così certo Pietro Beritelli, docente di economia del turismo all’Università di San Gallo, secondo cui frenare l’invasione di questo colosso della "sharing economy" sarà pressoché impossibile (vedi box a sinistra).
Intanto, oltre a Berna, che ha vietato gli Aibnb nel centro storico, altre regioni svizzere si sono mosse per arginare il fenomeno: Zugo, Basilea Campagna, Zurigo e Basilea Città. E altre seguiranno. "Occorre avere una visione completa del fenomeno - ribadisce Massimo Suter -. È un mercato selvaggio ed è diventato intollerabile. Non possiamo più fare finta di niente". Per chi sgarra saranno previste sanzioni. Molte città hanno assunto degli ispettori. Barcellona ne ha cento, che in pochi mesi hanno affibbiato oltre 3mila multe a chi non era in regola. Anche Parigi, con un censimento ha portato alla luce 60mila appartamenti in offerta sul sito che non avevano nemmeno il numero obbligatorio di licenza locale.

pguenzi@caffe.ch
17.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è