Tour dove 33 anni fa ci fu il disastro nucleare ucraino
Immagini articolo
Uno spettrale tour
fra i resti di Chernobyl
MARIA MICHELA D'ALESSANDRO DA CHERNOBYL


Congratulazioni! Sei ad un passo dall’esperienza della vita a Chernobyl", compare nell’email di conferma di avvenuta prenotazione. Nessun messaggio spam finito per sbaglio nella cartella di posta elettronica tanto meno uno scherzo. È proprio così che inizia il viaggio a Chernobyl, la città dell’Ucraina settentrionale distante dalla capitale Kiev poco più di cento chilometri e conosciuta in tutto il mondo per l’incidente nucleare del 1986.
Nonostante i 33 anni trascorsi da quella notte che ha avuto un enorme impatto geografico e storico, Chernobyl oggi è una città chiusa da confini militarizzati e da check point, strettamente controllata oltre che ancora radioattiva. L’unico modo per entrare nella cosiddetta zona di alienazione, istituita dopo l’incidente nucleare del 1986 e compresa nel raggio di 30 chilometri dal sito dell’ex centrale, è con una guida accreditata e in gruppi di 10/12 persone.
Iniziati nel 1999, oggi i tour a Chernobyl e a Pripyat, la città fantasma abbandonata dopo il disastro, vengono organizzati ogni giorno da una ventina di compagnie turistiche. Difficile orientarsi sul web per scegliere il "migliore" o il più economico, o addirittura uno che offra qualcosa di diverso da un altro: si parte da 89 dollari per un giorno e si arriva a 315 pernottando una notte. L’importante è attenersi alle regole: tra le restrizioni, essere maggiorenni, non aver fatto uso di alcol e stupefacenti nelle ore precedenti, indossare scarpe chiuse e abiti che non lascino parti del corpo scoperte e il divieto assoluto di toccare le migliaia di oggetti abbandonati tantomeno provare a portarli via. La prenotazione  solo online.
L’appuntamento è alle 7.45 di mattina davanti all’Hotel Dnipro nel centro di Kiev, proprio dietro Piazza Indipendenza. Ad aspettare fuori da un mini van dotato di ogni confort c’è Mikhail, 30 anni ucraino guida turistica di Chernobyl da nove: ogni giorno accompagna turisti di nazionalità diverse da Kiev alla zona di alienazione fino al reattore passandovi circa otto ore e rendendo la visita persino divertente. Durante il tragitto viene proiettato un documentario sulla strage di quel 26 aprile. Dopo una sosta poco fuori Kiev, si interrompe la visione solo per firmare lo scarico responsabilità al quale nessuno può sottrarsi.
Arrivati a Chernobyl il primo posto di blocco ferma tutti i pulmini in fila: dopo il controllo passaporti ad ogni visitatore viene consegnato un biglietto con chip di riconoscimento e un dosimetro da mettere al collo. Lo strumento utile per misurare la diversa esposizione individuale alle radiazioni ionizzanti è proprio una delle ultime novità introdotte dal governo ucraino solo un mese fa e che danno l’idea che tutto sia estremamente controllato, forse per attirare un sempre più alto numero di visitatori, aumentati di 55mila unità negli ultimi cinque anni.
14.04.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur