Due esperti analizzano il delitto di Monte Carasso
Immagini articolo
"La confessione
non è figlia del rimorso"
MAURO SPIGNESI


Cosa scatta nella mente di chi ha commesso un crimine e a distanza di tempo sente il bisogno di confessarlo? Gli psichiatri lo hanno spiegato con un esempio: è come premere sull’acceleratore di un’auto incagliata nel fango. Più si accelera più si affonda e più si affonda più ci si sente soli davanti alla propria coscienza. Ed è probabile che questo abbia provato il pompiere di 50 anni che nel luglio del 2016 a Monte Carasso ha ucciso la moglie. E, come è emerso al processo che si è celebrato nei giorni scorsi (la sentenza è attesa per lunedì 15 aprile), due anni dopo, in seguito ad un colloquio con un sacerdote, ha deciso di costituirsi (il caso era stato archiviato come un suicidio).
"Questo genere di comportamento spesso scatta quando una persona che ha commesso qualcosa di grave si sente minacciata", spiega Franco Posa, criminologo, esperto di neuroscienze forensi e direttore scientifico dell’International forensics consulting team (Ifct) con sede a Bellinzona -. E si sente minacciata non tanto perché deve fare i conti con la propria coscienza ma perché pensa possano spuntare da un momento all’altro nuovi elementi che secondo lui potrebbero far riaprire il caso". E allora giocando d’anticipo queste persone voltano pagina. "Ma in realtà - spiega il criminologo - dietro tutto questo, come dicevo, ci sono elementi che mettono in gioco la certezza di averla fatta franca".
In questo caso, come è emerso nel corso del processo e come è stato sottolineato dall’avvocato Deborah Gobbi che rappresenta l’accusatore privato, l’uomo aveva evidentemente sempre pensato che il figlio sospettasse qualcosa, in qualche modo intuisse che la morte della madre non era archiviabile come un suicidio. "Quando scatta la confessione dopo anni - riprende Franco Posa - entrano in ballo elementi molto soggettivi. E la paura che qualcuno possa avere anche un piccolo elemento di prova, il timore che i parenti della vittima scoprano il segreto e possano andare dal magistrato, alla lunga diventa un nodo da sciogliere".
Il pompiere che ha confessato due anni dopo il delitto della moglie è stato spinto, secondo la ricostruzione del procuratore pubblico Chiara Borelli, da un movente economico. Gli oltre tremila franchi di alimenti che doveva passare mensilmente alla moglie. "Ha ucciso per soldi", ha detto nella sua requisitoria Borelli. E ha ucciso, secondo l’accusa, con la complicità della seconda moglie, una russa accusata anche lei dell’omicidio. E mossa, è stato detto, "dall’avidità di denaro". Poi, in lui, nell’imputato, qualcosa è cambiato. Probabilmente il rimorso gli ha dato una scossa.
"In questi casi prima scattano meccanismi autogiustificativi", spiega Cristina Brasi, psicologa giuridica e analista comportamentale forense (è specializzata in Interpretative system of facial expressions, in pratica dall’espressione del viso coglie le emozioni e la sincerità di una persona) -. Meccanismi autogiustificativi, dicevo, che consentono di andare avanti per qualche tempo trascinandosi dietro un fatto grave. Si chiama disimpegno morale. È quel meccanismo che consente appunto a una persona di trovare una giustificazione, o meglio autogiustificarsi davanti a una condotta ritenuta non morale. Questi meccanismi li abbiamo tutti. Ma in contesti di devianza si esprimono in maniera più marcata e sino ad un certo punto possono tutelarci. Il classico esempio è quello dei ragazzi che commettono un crimine di gruppo. E pensano: non sono stato io da solo. C’è, insomma, una connessione di gruppo e non del singolo, c’è una responsabilità condivisa che fa sentire meno colpevoli".
Nel momento in cui si commette un atto, dalla semplice bugia sino ad arrivare a un omicidio, questi meccanismi consentono di mantenere un equilibrio psichico. "Naturalmente - aggiunge Brasi - molto varia dalla struttura morale differente di ogni persona. Non si può generalizzare, dipende molto dalla propria dimensione psicologica. C’è chi crolla prima e chi crolla dopo tanto tempo, come è capitato evidentemente al pompiere. Poi, c’è chi non crolla e non confessa mai. Perché ci sono personalità, ad esempio quella di un sadico, che difficilmente lo portano a venire allo scoperto perché in questo caso ha piacere a cagionare dolore e sofferenza".
La procuratrice Borelli ha parlato di sincero pentimento. E lo stesso imputato ha chiesto perdono. Anche qui è scattato il rimorso? "Il rimorso - dice Posa - viene usato per mettere le mani avanti, perché chi commette questo genere di delitti ha una totale assenza di empatia e non ha la capacità di rispondere nemmeno al suo difetto di coscienza che è venuta a mancare". Secondo Cristina Brasi, "bisogna sempre capire quando scatta questa presa di coscienza, cosa è maturato davvero in quell’uomo. Andare da un sacerdote, come è capitato al pompiere reo confesso, vuol dire probabilmente non avere più prospettive. Trovarsi in un vicolo cieco e dunque provare una irrefrenabile necessità di condividere un peccato grave perché da soli e in questo stato non si è più in grado di vivere".

mspignesi@caffe.ch
14.04.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur