Filosifia e senso degli affari di Barrai e Proto
Immagini articolo
Spregiudicati
affaristi di frontiera
MAURO SPIGNESI


Uno porta clienti italiani nelle banche ticinesi, e ci guadagna. L'altro fa la spola con l'Italia da Lugano e vende case da sogno ai vip, s'infila in affari spettacolari, tenta la scalata a società. Paolo Barrai, professione blogger, e Alessandro Proto, professione consulente, in apparenza non hanno nulla in comune. Salvo gli affari a cavallo della frontiera, salvo l'essere di Milano e possedere uno spiccato senso degli affari. Anche le origini di questi due businessman d'assalto, di cui si sono interessati i media italiani in questi giorni, sono diverse: Barrai ha cominciato lavorando in banca, prima d'accompagnare piccoli professionisti in una sorta di gita fuori porta sino agli sportelli di istituti della piazza finanziaria ticinese a portare i propri risparmi "sottraendoli - precisa - all'imminente fallimento dell'Eurozona". Proto faceva il venditore d'enciclopedie porta a porta, prima di avere nel suo portafoglio ville da sogno, come l'ultima: La Lampara, sta a Cannes, ed è della famiglia Berlusconi. Una bufala? "Se lo fosse - avverte subito - sarei finito: i miei clienti hanno uffici stampa che mi metterebbero in croce nel giro di qualche ora. Invece non sono mai stato smentito".
Paolo Burrai, in questi giorni, ha organizzato una riunione a Ponte Tresa per imprenditori "che hanno voglia di delocalizzare. Ci sarà - sottolinea - anche un commercialista che spiegherà le regole legali". La sua è un po' la logica del Groupon: gruppi d'acquisto collettivo, più si è più arrivano vantaggi per tutti. "Facciamo piani d'accumulo e fondi pensione, ma abbiamo chiesto anche di comprare abitazioni. Oggi la Svizzera conviene, domani chissà; lavoriamo in una dimensione globale, magari presto la Grecia lascerà l'euro e tornerà alla sua moneta e potrebbe essere più conveniente". Barrai ha lettori fidelizzati del suo blog "Mercatolibero" che diventano poi clienti.  E lui li accompagna in Ticino. Lo ha già fatto con "un centinaio che hanno depositato  in media circa centomila franchi a testa" e hanno così difeso "il proprio futuro e quello dei propri figli" da un crack annunciato.
Alessandro Proto si dà da fare su più fronti. Spazzola, su commissione, quote di importanti società, da Unicredit a Tod's. E lo fa con fondi ad hoc, come uno di diritto lussemburghese da 300 milioni, dove sostiene d'aver strappato una partecipazione anche a Donald Trump.  Lui ha una strategia precisa: "Non c'è business senza comunicazione". Ne ha fatto una filosofia di vita. Tanto che in questi anni ha fatto partire una serie interminabile di fuochi artificiali, fatti scoppiare con sapienti telefonate ai giornali annunciando d'aver venduto case a Madonna, Brad Pitt, Ricky Martin, senza dimenticare il colpo, peraltro andato male, che gli ha portato una montagna di celebrità: la tentata vendita della villa di George Clooney sul lago di Como. "È una strategia, certo. Ma è una strategia anche quella di Lapo Elkann che ha lasciato a Milano in doppia fila la sua Jeep Grand Cherokee. La notizia ha fatto il giro del mondo, così lui ha fatto parlare della nuova auto del gruppo Fiat. E quanto ha pagato? Mille euro di multa".
Un pallino di Proto è il salvataggio delle imprese. Con "Caronte",  un fondo da 100 milioni, per traghettare piccole e medie aziende che arrancano sotto i colpi della crisi in terreno positivo. E tutto tenendo la cabina di regia in Ticino, dove "c'è stabilità e certezza", con la Protoconsulting , azienda che farebbe muovere milioni in tutto il mondo nonostante abbia appena 100 mila franchi di capitale sociale. Unico neo: una condanna in Ticino per 93 polizze assicurative, lui racconta di suoi clienti che non avrebbero versato i premi alle compagnie. Anche per Barrai si vocifera di condanne, ma lui ha sempre smentito seccamente, nonostante le velenose segnalazioni che piovono da internet.
mspignesi@caffe.ch
05.02.2012


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel