Come le agenzie di viaggio resistono al Web
Immagini articolo
"Perso prenotazioni,
ma siamo competitivi"
PATRIZIA GUENZI


Abbiamo perso un terzo delle prenotazioni. Questa è l’evoluzione 2007-2016 del fatturato medio per collaboratore di agenzia di viaggio a livello svizzero. Inoltre, se 15-20 anni fa eravamo i soli a poter emettere biglietti aerei, oggi non è più così. Ma restiamo comunque competitivi, la qualità paga sempre". Davide Nettuno, delegato per il Ticino della Federazione svizzera delle agenzie di viaggio, è ottimista. Il peggio è alle spalle. Tutto sommato sono riusciti a far fronte alla concorrenza di Internet, a non soccombere di fronte alla marea di viaggi e vacanze offerti online. Calata pure la cifra d’affari media di un’agenzia svizzera: da 3.076 milioni di franchi nel 2015, a 2.922 milioni nel 2016, come riporta il sito della categoria.
Ma la qualità è vincente, insiste Nettuno. "E si riassume in tre concetti - spiega -: tempo, consulenza e soldi. Non tutti hanno il tempo di valutare e scegliere tra le migliaia di offerte in Internet, paragonarle e capirne i pro e i contro. Oltre a viaggio e soggiorno, ci occupiamo di tutto il resto: profilassi, assicurazioni, potenziali rischi, formalità di ingresso, imposizioni doganali, voli cancellati, bagagli persi e ci siamo anche dopo il rientro se non tutto si fosse svolto nel giusto modo". E infine, l’aspetto economico. La maggior parte delle agenzie e dei tour operator riesce ad essere molto concorrenzale perché "ha gli strumenti per fare analisi sulle varie offerte online e scegliere le più adatte. Inoltre, molti di noi hanno anche una piattaforma sul Web".
Web che, però, non attrae così tanto come si potrebbe pensare. Soprattutto gli svizzeri che in fondo restano dei tradizionalisti. "Molti vengono da noi perché sono restii a pagare con la carta di credito - osserva Nettuno -. Inoltre, preferiscono una consulenza personalizzata e un pacchetto di proposte su misura". Aspetti che hanno reso meno pesante la contrazione del volume d’affari delle agenzie di viaggio, tutto sommato contenuta. "Restiamo concorrenziali - ribadisce Nettuno -. Abbiamo prezzi dinamici che ancora attirano molti clienti in agenzia".
A sorpresa, da alcuni recenti studi risulta che le persone che più si affidano ad una consulenza personalizzata sono gli under 25. "Probabilmente perché hanno meno tempo per andare a scandagliare l’intero panorama in Rete e hanno pure meno esperienza e strumenti per valutare - osserva il delegato -. Invece, l’over 65 ha sicuramente viaggiato di più e ha molto piì tempo a disposizione per fare le sue scelte wul Web". Scelte che non per forza portano lontanissimo. Spesso sono viaggi mordi e fuggi, itinerari molto semplici e probabilmente già sperimentati. "Tuttavia, la famiglia che va tre settimane in Namibia è difficile che si affidi al fai da te".  
Da qui il salto di qualità, come lo definiscono gli operatori del settore. Da agenzie di viaggio a consulenti di viaggio. "La nostra esperienza e il profilo del viaggiatore ci permettono di fare proposte su misura. Il nostro ruolo è quello di esaudire solo i bisogni del cliente. E così riusciamo a fidelizzarlo".
Soprattutto negli ultimi vent’anni chi sta in prima fila nell’industria delle vacanze ha dovuto continuamente allinearsi a un mondo in rapido cambiamento. Con la Rete che la fa sempre più da padrona bisognava ritagliarsi un angolo privilegiato, unico ed esclusivo. Con referenze oggettive e non soggettive, come capita su Internet dove tutti possono scrivere tutto e il contrario di tutto. Una bussola, insomma, sono diventate le agenzie di viaggio, che garantiscono la professionalità di dipendenti esperti. "Consultateci sempre e comunque - conclude Nettuno -, ma soprattutto se il viaggio è complicato e la meta sconosciuta. Perché uno swatch lo posso anche comperare sul web, ma un Patek Philippe no".

p.g.
10.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta