Gli investimenti sulla prevenzione incidono sui bilanci
Immagini articolo
L'impagabile prezzo
dei costi della sicurezza
CLEMENTE MAZZETTA


Quello che si spende per la sicurezza sul posto di lavoro, è un investimento, non un costo - sostiene Davide Rotanzi, responsabile dell’Ufficio consulenze sicurezza  lavoro (Ucsl) -. Le misure di prevenzione descritte nei capitolati, previste dalla legge e dall’ordinanza sui lavori hanno ovviamente dei costi per le aziende. Ma, oltre al valore etico, hanno anche un riscontro economico". Basti pensare cosa implica fermare un cantiere, sostituire un infortunato, valutare le responsabilità. Vale il detto: chi più spende meno spende. La Suva (l’Istituto svizzero di assicurazione contro gli infortuni), ad esempio, calcola i costi assicurativi in base al numero degli infortuni registrati con un sistema bonus-malus. Quanto più sono i dipendenti e i rischi di infortunio, tanto maggiore, in media, è il volume dei premi.
"È difficile però dire quanto incidano i costi complessivi per la sicurezza sui volumi di lavoro - osserva Mauro Galli, presidente della Società Svizzera impresari costruttori del Ticino (Ssic) -. Ma se gli infortuni nei cantieri  diminuiscono , scendono anche i costi relativi ai premi".
Ma questo è solo un aspetto del problema. La sicurezza aziendale oltre al costo assicurativo, ne prevede uno di prevenzione, misure a cui si aggiungono costi indiretti e amministrativi. Anche nascosti,  come quello della reputazione, ovvero delle perdite economiche che possono avvenire in seguito ad un incidente che evidenzia la carenza di misure antinfortunistiche, come il costo legale, di rimpiazzo del personale, di nuova formazione...
"Le misure di prevenzione e di sicurezza interessano molti aspetti - nota Galli -. Si parte dal vestiario, dai mezzi di protezione personali, dal casco, dalle scarpe antinfortunistiche, e si va ai mezzi speciali, alla formazione interna del personale sul cantiere, a quella esterna. Occorre avere un responsabile della sicurezza costantemente aggiornato. Tutto ha un costo, ovviamente. Difficile dire quanto incida percentualmente sui bilanci aziendali. A ragion veduta, tutto considerato, si può dire che la sicurezza è ormai diventata una spesa rilevante". Che ha permesso di raggiungere una maggior sicurezza sul posto di lavoro. Il Ticino, che fino a 15 anni fa aveva un’incidenza infortunistica nei cantieri elevatissima, è decisamente migliorato. "Dal 2013 abbiamo una frequenza di infortuni che è costantemente più bassa rispetto alla media svizzera - aggiunge Galli -. Segno che abbiamo fatto passi avanti. Anche se nel nostro settore l’incidente non si può mai escludere".
In Svizzera ogni anno sono in media un centinaio le persone che perdono la vita per un infortunio sul lavoro. Una statistica che vede il Ticino con un media pluriennale di due decessi. "La situazione non è quella dei primi anni Duemila - osserva il sindacalista di Unia Dario Cadenazzi -. Oggi le imprese rispettano gli obblighi legali e contrattuali sulla sicurezza e la prevenzione, anche se c’è sempre qualcuno che fa il furbo. Il problema è che i grandi committenti impongono alle imprese scadenze  troppo ravvicinate. Cosa che ha fatto esplodere i ritmi di lavoro e accresciuto lo stress nei cantieri con tutto quel che segue".
Fretta, ritmi esasperati, impossibilità di dedicare il giusto tempo al lavoro creano un clima "favorevole" all’incidente. "Ci è andata fin troppo bene fino ad ora", conclude Cadenazzi.

c.m.
08.07.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14