function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Quasi 6mila appartamenti vuoti ma si continua a costruire
Immagini articolo
Nel cantone delle gru
...le case sono sfitte
CLEMENTE MAZZETTA


Aumentano i cantieri e pure gli appartamenti sfitti. E più si costruisce meno si vende. E così nel Ticino, che è sempre più il Paese delle gru, che svettano nei cantieri, gli alloggi vuoti continuano a crescere. Se ne contano 1.200 nel Locarnese, 1.750 nel Luganese, oltre un migliaio nel Mendrisiotto. Il fenomeno tocca le periferie: 180 case vuote nelle Tre Valli, una quarantina nella sola Vallemaggia (una ventina a Cevio). Il tutto quasi cinquemila. "Ma la tendenza in atto è quella di una continua crescita. Di questo passo arriveremo ad avere seimila case vuote, invendute, sfitte già nel 2020", osserva Gianluigi Piazzini, presidente Catef, Camera ticinese dell’economia fondiaria (vedi intervista sopra).
Continuano a costruire soprattutto i grandi investitori: casse pensioni, fondi assicurativi. E a colpi di mille e passa appartamenti in più ogni anno, la pressione sul parco immobiliare meno recente si fa sempre forte, a parte il rischio di una bolla immobiliare.
"C’è una notevole pressione al ribasso. Aumentano gli appartamenti sfitti e i tempi di ricollocazione sul mercato - osserva Marco Chiesa presidente dell’Associazione fondiaria Hev-Ticino -. Anche per quest’anno si conferma la tendenza al calo degli affitti per gli appartamenti nuovi o che vengono rimessi sul mercato". Le conseguenze si fanno già sentire: nel primo trimestre 2019, l’edilizia abitativa si è decisamente contratta: meno 31% per le case unifamiliari, meno 51% per le plurifamiliari. Non solo: il tasso di case sfitte che è stimato al 2,21% per Lugano (880 case vuote) probabilmente è da correggere al rialzo, se lo stesso Comune, prima dell’ultima aggregazione (nel 2013), aveva contabilizzato più di duemila appartamenti vuoti. Pari 6% del parco alloggi esistente. Stesso discorso a Locarno, dove si stima un 3,38% di sfitto (circa 400 appartamenti). Ma anche in questo caso, il dato parrebbe sottostimato stando agli esperti del settore per i quali la percentuale è almeno il doppio.
Ci sono case vuote a Chiasso che ha un tasso di sfitto del 5,61% (circa 300 appartamenti), a Mendrisio (3,17% per 273 appartamenti). A Bellinzona, dove si sta costruendo moltissimo e dove sono 485 gli appartamenti sfitti (1,97%), i Verdi hanno chiesto un blocco delle licenze. Inutilmente. Case vuote ovunque: 141 ad Ascona (2,3%), a Riva San Vitale (2,9%), 17 a Bodio (3,8%), 42 a Orselina (3,4%) 2 a Rovio (3,66%) 20 a Morcote (2,2%), 90 a Tenero Contra (4,6%). Il fenomeno è diffuso e tocca anche le località turistica segno di un’eccedenza notevole. Su un totale di 239mila abitazioni  lo sfitto complessivo supera il 2% (quello medio nazionale è del 1,62%). In questo contesto permane anche una certa "emergenza abitativa", visto che alcuni deputati hanno chiesto al governo dati "più precisi per permette sia all’ente pubblico che al settore privato di orientare e soddisfare le esigenze".
Affinando e incrociando i dati, si permetterebbe ai Comuni di capire, ad esempio, dove e in quale zone incentivare gli alloggi con affitti sostenibili, dove aumentare gli incentivi energetici, dove qualificare meglio il mercato degli alloggi per anziani. Dove fermare l’edilizia eccessiva. Insomma sarebbe possibile fare una politica degli alloggi. Invece la crescita del parco immobiliare è selvaggia. In un solo anno (fra il 2017 e il 2018) l’aumento ha sfiorato il trenta per cento.
cmazzetta@caffe.ch
14.07.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00