function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Un terzo dei patrimoni in Svizzera è in mani femminili
Immagini articolo
"Le donne si arricchiscono
più in fretta degli uomini"
ANDREA STERN


Il miliardario del futuro è… donna. Già oggi il 32% dei capitali mondiali è in mano femminili. Una percentuale in aumento che è destinata ad aumentare ulteriormente. Secondo i calcoli di Boston Consulting Group nel prossimo futuro i capitali delle donne dovrebbero infatti crescere del 7,2% all’anno, mentre quelli degli uomini "solo" del 5,2%. Perché donne e uomini investono diversamente. E l’era del coronavirus dovrebbe premiare le prime.
La tesi di Boston Consulting può sembrare sorprendente in un mondo ancora dominato dagli uomini. Tra le dieci persone più ricche al mondo solo una è donna, la statunitense Alice Walton. La figlia del fondatore di Walmart Sam Walton è una mosca bianca di dimensioni anche piuttosto piccole rispetto a mosconi come Jeff Bezos e Bill Gates. Ma la classifica dei paperoni non deve trarre in inganno perché dietro le quinte, lontano dai riflettori, c’è una schiera di donne altamente formate che stanno accrescendo la loro ricchezza.
"Quando le donne investono - ha rimarcato Shona Baijal, dirigente di Ubs Wealth Managament - sono più diligenti, più agili nel cambiare mercati e più ottimiste sul lungo periodo". Un atteggiamento che paga. Quando Fidelity Investments ha esaminato i risultati di 8 milioni di suoi clienti, nel 2017, l’analisi ha dimostrato che le donne avevano guadagnato in media un punto percentuale in più degli uomini. Un altro studio di Warwick Business School, che ha coinvolto 2.800 investitori, ha evidenziato che i rendimenti delle donne erano in media del 2% superiori rispetto a quelli degli uomini.
I motivi possono essere molteplici. Shona Baijal cita le responsabilità familiari che tutt’ora ricadono principalmente sulle spalle femminili. "Nella loro carriera - ha sottolineato la dirigente di Ubs - le donne devono affrontare cinque sfide differenti da quelle degli uomini. La disparità salariale, la necessità di poter lavorare con condizioni flessibili, il congedo maternità, la più lunga aspettativa di vita e la minore propensione al rischio". Questi fattori fanno sì che le donne tendano a pianificare con anticipo i grandi cambiamenti. In famiglia, ma anche a livello finanziario.
Alle donne viene inolte riconosciuto un maggior senso di responsabilità. Il 96% degli uomini interpellati da Boston Consulting afferma di investire per accrescere il proprio patrimonio e di scegliere gli investimenti principalmente in base al rendimento. Il 64% delle donne invece sostiene di considerare le questioni ambientali e sociali relative ai propri investimenti. La donna, in pratica, non investe solo per arricchirsi ma anche e soprattutto per cercare di migliorare le sorti del pianeta.
Tutto ciò lascia dire a Boston Consulting che il secondo decennio del XXI secolo sarà uno "spartiacque". Si chiuderà un’era della finanza prevalentemente maschile e se ne aprirà un’altra in cui la ricchezza sarà sempre più donna. Le aziende che vorranno approfittare di questa era dovranno adeguarsi. E superare certi luoghi comuni duri a morire.
Un’imprenditrice di successo interpellata da Boston Consulting ha ad esempio raccontato di essersi recata insieme al marito a un incontro con un consulente finanziario. Pochi giorni dopo il consulente ha inviato loro un pacchetto. Al marito erano indirizzati tutti i documenti, mentre alla donna… un braccialetto. Inutile aggiungere che l’imprenditrice ha cambiato consulente.
a.s.
23.05.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00