function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Viaggio nel malessere dei socialdemocratici tedeschi
Immagini articolo
Dopo anni da leader
la Spd perde fascino
STEFANO VASTANO DA BERLINO


Die alte Tante". Non proprio un eufemismo, ma così in Germania chiamano il più vecchio partito tedesco: la Spd (socialdemocratico), nata nel lontano 1863. Oggi la "vecchia zia", dopo i periodi di gloria con Willy Brandt ed Helmut Schmidt, soffre di un grave burnout. E la sua crisi sta cambiando a fondo il profilo della politica tedesca e del governo di Berlino. Disgustata dai feroci attacchi interni, il 3 giugno scorso Andrea Nahles - dallo scorso aprile la prima donna al timone della Spd nonché capofrazione parlamentare - ha gettato la spugna. Buttando alle ortiche anche il mandato al Bundestag. "Mai, mai, mai più - ha scritto il giovane Kevin Kühnert - noi socialdemocratici possiamo trattarci così male". Non solo le baruffe interne hanno ridotto la Spd  ai minimi termini, che ancora nell’era Schröder vantava il 40% dei consensi. Di fatto, se domani i tedeschi andassero alle urne, alla Spd  andrebbero circa il 15% dei voti. Due, tre punti in più della Afd, il partito d’estrema destra. Sino a Natale la Spd sarà governata ad interim dal trio composto da Malu Dreyer, premier della Renania Palatinato, Manuela Schwesig e Thorsten Schäfer-Gumbel. E a dicembre, col voto degli iscritti, la "vecchia zia" con ogni probabilità non avrà più un Vorsitzender, un unico presidente. Dopo l’ultima batosta alle Europee - in cui la Spd ha riscosso un magrissimo 15,8, il peggior risultato nella sua storia - da dicembre opterà per una leadership di coppia. Così come da anni fanno i Grünen. Per ora si è fatta avanti Gesine Schwan, ma ha 76 anni. Per questo i fari dei media sono puntati sul più brillante segretario degli Jusos, la gioventù socialista, che la Spd abbia mai avuto: Kevin Kühnert, il giovane socialdemocratico che ha galvanizzato la scena con le sue idee radicali sul socialismo. Quale che sia il futuro presidente della Spd, resta la certezza che il modello "GroKo", la "grossa coalizione", è giunto al capolinea. I sondaggi lo dicono chiaro: il 57% dei tedeschi non ne può più del "matrimonio" fra Cdu, i bavaresi della Csu e la Spd. Fra i socialdemocratici è il 65% a dire basta ad una Spd ridotta a spalla della Cdu della Kanzlerin. Ruolo ingratissimo che, fra l’altro, ha portato al massacro della Nahles. La Spd ha "consumato" i suoi presidenti come fazzoletti: prima Kurt Beck, poi Sigmar Gabriel sono stati fatti a pezzi dai "compagni". Per non parlare dello scempio con cui, alle ultime elezioni del 2017, è stato fatto fuori l’ex presidente Martin Schulz.
Il futuro della Spd? Dopo gli estenuanti governi con la Cdu, tentare forse una coalizione con i Grünen, matador dominante ormai nella scena tedesca, dato che in alcuni sondaggi i Verdi superano la Cdu. Non è escluso che, se domani si andasse al voto, a Berlino si formi una coalizione tra i Grünen e socialdemocratici, con l’appoggio dei liberali della Fdp. Certo, a dar retta ad Oskar Lafontaine, l’ex ministro delle Finanze di Schröder, è tempo che la sinistra rinserri le fila e si tenti una nuova unità fra Spd, die Linke e gli inevitabili Verdi. Dopo l’era Merkel però è più che probabile che la Germania si faccia "giamaikana", con un governo cioè formato da Cdu, Verdi e liberali. In realtà, oggi tutto è possibile nella politica: anche l’estinzione della "vecchia zia" della Spd, se i suoi pochi, rissosi nipoti continueranno ad automassacrarsi.
14.07.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00