function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Nell'intesa con l'ospedale del cuore resta il "nodo ricerca"
Immagini articolo
Tra Cardio ed Eoc
non tutto è risolto
PATRIZIA GUENZI


È fatta. Questione di settimane. A fine agosto Cardiocentro e Ente ospedaliero cantonale (Eoc) dovrebbero firmare davanti al Consiglio di Stato l’intesa che dal 2021 integrerà l’"ospedale del cuore" nella rete sanitaria pubblica del cantone. A metà settimana le due delegazioni che da un paio di mesi stanno trattando e rifinendo le modalità dell’accordo del passaggio hanno tirato le fila o, meglio, hanno compiuto la "quadratura del cerchio" per il capitolo forse più spinoso: la ricerca medico scientifica condotta dal Cardiocentro. Un primo rapporto d’intesa era stato stilato alcune settimane fa per mettere le basi al "nuovo Cardiocentro". Un Istituto, alla stregua di quello oncologico (Iosi) e del Neurocentro, specializzato in cardiologia, cardiochirurgia, cardioanestesia e cure intensive. L’attività di ricerca del Cardio, oggi sotto il "mantello" della Fcre, ovvero "Foundation for cardiological research and education", rimarrà di fatto separata amministrativamente e gestionalmente dall’attività del Cardiocentro. La ventina di persone che vi lavorano già oggi sono in parte (o in gran parte) occupate nel Cardio. Per l’attività svolta nella Fcre (una percentuale di poco più o poco meno del 50 per cento) saranno invece pagate da quest’ultima. Ma come si legge nel documento stilato questa settimana l’Ente non potrà garantire  L’impegno finanziario è notevole, dal 2014 ha comportato una spesa di circa 5 milioni l’anno, di cui 1 milione solo per la manutenzione di alcuni sofisticati macchinari.
In un documento di cinque pagine il tavolo di lavoro delle due delegazioni ha dedicato alcuni paragrafi al finanziamento della ricerca. Così si legge: "Il Cardiocentro ha investito in infrastrutture sofisticate (ndr. si pensa ad esempio alle "camere bianche", particolari laboratori "puliti") ma che sono attualmente sottoutilizzate. L’Ente non avrà i mezzi per sostenerle. La proposta è quella di scorporare queste infrastrutture dal Cardio al momento del passaggio nell’Eoc. Sia poi la collettività ticinese di ricerca nell’ambito delle ‘Scienze della vita’ a farsene carico. Il pensiero va al futuro ‘Centro di competenze Life Sciences’. A questo proposito occorrerà allestire un ‘businss plan’ condiviso che permetta di sostenere almeno il costo della manutenzione, circa 1 milione l’anno".
Il documento redatto questa settimana entra nel dettaglio della gestione finanziaria delle apparecchiature per la ricerca e della gestione economica dell’attività della attuale Fcre. "Una parte del patrimonio mobile netto che figura nel contratto di trasferimento dovrebbe essere destinato al mantenimento e allo sviluppo delle attività di ricerca. In base alle informazioni disponibili oggi si propone - è questo il consiglio del Tavolo di lavoro - che parte del patrimonio finanziario del Cardiocentro possa essere utilizzata per il mantenimento temporaneo delle diverse attività di ricerca con lo scopo di favorire l’affiliazione accademica (ndr. cioè all’Università) della Fcre".
Ma veniamo alle cifre. "Attualmente i costi per lo svolgimento delle attività di ricerca nel perimetro del Cardio sono di circa 5 milioni l’anno. Di questi, 1 milione è dedicato alla manutenzione delle apparecchiature. Circa 1,6 milioni dei costi vengono coperti da fondi di ‘ricerca competitiva’. Per il mantenimento delle attività occorrono quindi attorno ai 2,4 milioni di fondi, definiti ‘locali’ o ‘corporate’. Se l’Ente coprisse, come attualmente fa il Cardiocentro, circa 400mila franchi di spese annue dell’unità di ricerca clinica si arriverebbe a un fabbisogno di 2 milioni".
È questo, quello appena ripercorso, uno dei più spinosi capitoli della trattativa fra Cardio e Ente. Il documento di questa settimana sembra comunque aver risolto in gran parte interrogativi e ostacoli. Dopo un anno di inutili polemiche, estenuanti e scriteriati braccio di ferro.
A questo punto l’Iniziativa popolare lanciata quasi un anno fa per opporsi all’integrazione nell’Ente non ha più motivo di esistere. Già da tempo, da oltre un anno, l’Ente ospedaliero si è pubblicamente impegnato a riassumere il personale del Cardiocentro alle attuali condizioni contrattuali. Non c’era quindi motivo di lanciare l’Iniziativa di fatto trasformatasi in arma di ricatto.

p.g.
14.07.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00