function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'ex dipendente del Beata Vergine accusato dalle famiglie
Immagini articolo
I parenti dei ricoverati
querelano l'infermiere
R.C.


Siamo al dunque. Entro venerdì 19 luglio la magistratura dovrà decidere se prolungare di ulteriori tre mesi la carcerazione preventiva. L’infermiere del Mendrisiotto, 45 anni e per metà della sua vita impiegato all’ospedale Beata Vergine, è in carcere dall’inizio dello scorso dicembre. La vicenda si è allargata di settimana in settimana. Iniziata con sospetti e accuse di maltrattamenti su alcuni pazienti anziani in fase terminale (l’imputato lavorava nel reparto di Medicina1), si è arrivati come spinti da una valanga all’accusa di omicidio intenzionale. Alterando il dosaggio di alcuni farmaci, soprattutto morfina e dormicum, l’infermiere, stando al procuratore Nicola Respini, avrebbe accelerato se non determinato la morte di quattro-sei pazienti. Ma stabilire un nesso di causalità, come da tempo sostiene la difesa rappresentata dall’avvocato Micaela Antonini Luvini, è pressoché impossibile dal punto di vista medico.
Se l’accusa di omicidio è quella indubbiamente più grave, esiste un "contorno" di reati minori ma non certo meno gravi da un punto di vista etico, che gravano sul futuro processuale dell’imputato. Sono decine e decine le fotografie scattate dall’infermiere ad alcuni pazienti. Immagini ritrovate sul suo smartphone. Fotografie che ritraggono taluni malati in situazioni anche imbarazzanti. E alcune di quelle immagini sono state condivise dall’infermire. Condivise con alcuni conoscenti, sia in Ticino sia in Lombardia. Ma, forse in un paio di casi, anche con alcuni colleghi.
Nel corso delle indagini gli invetigatori hanno mostrato ai familiari dei pazienti fotografati le immagini. È stato detto loro che erano state condivise ed è per questa ragione che, allo stato attuale delle cose, parrebbe siano una ventina coloro che si sono costituiti "accusatori privati", cioè quel che un tempo si definiva "parte civile". E sarebbero quindi una ventina le querele per "violazione della privacy" che oggi pesano sulla posizione dell’infermiere.
Ma è soprattutto sulla base della principale accusa, quella di omicidio, che si decide l’immediato futuro dell’imputato. Le cartelle cliniche sono state inviate dalla procura ad un istituto specializzato oltre San Gottardo. Si tratta di valutare il decorso delle condizioni dei pazienti la cui morte è sospetta. Un decorso da mettere in relazione ai dosaggi dei farmaci assunti e questi ultimi alle originarie prescrizioni mediche.
L’imputato, per quanto la sua memoria gli conceda, sembra aver risposto ad ogni domanda respingendo comunque l’accusa di omicidio intenzionale. Se alterazione dei dosaggi è avvenuta, ed è avvenuta, la ragione è da ricercare nel tentativo di alleviare i dolori dei pazienti. Così si giustifica l’infermiere sotto accusa.
Ma a complicare la sua situazione oltre a quelle inopportune fotografie (almeno in un caso ha fotografato una persona immediatamente dopo il decesso) ci sono alcune frasi scambiate con WhatsApp fra lui e qualche collega. Frasi che comunque non rappresentano ancora una prova a sostegno dell’accusa principale. Certamente importante sarà l’esito della perizia psichiatrica a cui l’imputato dovrà essere sottoposto. Ciò avverrà in carcere? O l’infermiere, data la situazione per ora soprattutto indiziaria, verrà rimesso in libertà? Una cosa è certa: il giallo continua. E le risposte non arriveranno nei prossimi giorni.

r.c.
14.07.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00