Attrae sempre meno il costume adamitico e in Svizzera...
Immagini articolo
Diminuiscono i nudisti,
il corpo libero è in crisi
PATRIZIA GUENZI


Ancora non c’è stata alcuna polemica. Strano. Ancora nessuno ha alzato la voce contro i "soliti sporcaccioni che nella bella stagione invadono le nostre rive". I nudisti, insomma. Coloro che amano stare all’aperto come mamma li ha fatti. Ogni estate la storia si ripete. Laghi e fiumi diventano la cornice preferita per i "senza stoffa", detti anche naturisti. Quest’anno no. Ovunque si sta registrando un calo dei "cultori del corpo libero". Niente crisi, invece, per gli esibizionisti (vedi in basso). In Germania, il Paese che il nudismo l’ha inventato, uno dei maggiori sessuologi, Kurt Starke, ha appena lanciato una provocazione: il nudismo sta morendo. Cambierà poco, invece, in Svizzera, e in Ticino soprattutto, dove il fenomeno non è mai attecchito più di tanto e dove fioccano le multe.
Sembra un’assurdità, nell’epoca ultra liberale che stiamo vivendo, di corpi nudi spalmati ovunque che ormai da molto tempo non destano più curiosità né scandalo. Eppure così è. Complice, anche, la scarsità di luoghi dove ci si può spogliare del tutto. Se in Croazia, Spagna, Portogallo, Grecia, Danimarca, oltre alla già citata Germania, si trovano le migliori piagge per nudisti nel mondo, e anche in Italia qualcuna rinomata c’è (San Vincenzo-Livorno è una delle prime spiagge autorizzate), in Svizzera, Ticino ancora di più, la tendenza non ha mai messo radici. Pochi, pochissimi i luoghi dove praticare il naturismo. Sebbene nella Confederazione siano una decina le associazioni che, almeno sulla carta, offrono spazi per stare in tenuta adamitica. In Ticino da sempre, le zone più adatte si trovano nel Sopraceneri: Avegno, in Vallemaggia, o Golino, nelle Centovalli, quelli più conosciuti. Non ufficiali, ovviamente, ma più o meno tollerati dalle autorità. Salvo le proteste di chi non sopporta seni e natiche al vento.
Tra i principali responsabili di questo calo, spiegano gli esperti, il culto del corpo perfetto e i social. La gente, in sostanza, è stanca di dover esibire un "ideale fisico", quello da sempre imposto dalle pubblicità e dalle passerelle. E allora si ribella. Come? Non più mettendosi in mostra. Coprendosi insomma. Il che potrebbe pure apparire un po’ contraddittorio, visto che i nudisti sembravano fregarsene dei diktat modaioli. Inoltre, il "fenomeno" non è per nulla legato alla voglia di esibire il proprio corpo. Anzi. "Ho la pancia, la cellulite, il sedere grosso? Sono malfatto? E allora?, io mi spoglio lo stesso!", hanno sempre sostenuto frotte di "senza stoffa". Oggi, a quanto pare, questi sono un po’ meno numerosi. C’è poi l’aspetto dei social. Inquietante. È reale il pericolo di finire "postati" senza neanche sapere a chi dire grazie. Meglio evitare. Meglio, dunque, coprirsi.
Nel mondo si stimano in circa 70 milioni i naturisti. In Europa più o meno 20 milioni. Persone che preferiscono frequentare luoghi dove il naturismo è più organizzato e le spiagge meglio strutturate, soprattutto Spagna, Francia e Croazia. Quest’ultima, stando ad una ricerca di un paio di anni fa, sembra essere la meta preferita dai nudisti, seguita da Spagna (in particolar modo le isole Baleari) e Francia. Un business niente male. Soltanto in Italia, per l’economia turistica, equivale ad un fatturato attorno ai 55 milioni di euro l’anno. Mentre in Francia, smuove oltre 300 milioni di euro, dà lavoro a tremila persone e conta quasi quattrocento strutture, oltre settanta spiagge riconosciute. Sembra difficile immaginare che questi numeri potrebbero sgonfiarsi. Probabilmente, sono le nuove leve a mancare. I giovani, che sicuramente non scelgono di spogliarsi per una scelta ideologica. La loro, semmai, pare piuttosto un’opzione pragmatica, di comodità. Tanto per viaggiare solo con lo spazzolino, poco di più.
p.g.
11.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Norvegia:
sparatoria
in moschea

Myanmar:
morti
e sfollati
per le alluvioni

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00