L'accusa di una perizia per il caso del giovane morto
Immagini articolo
"Servizi di psichiatria
inadatti e insufficienti"
PATRIZIA GUENZI


Pesano come un macigno sulla Clinica psichiatrica cantonale le considerazioni del perito d’accusa sulle quali probabilmente si concentrerà la sentenza del giudice Siro Quadri, attesa in questi giorni. Parole pesanti per individuare e motivare le responsabilità per la morte di un ventottenne. Era maggio del 2014 e sul banco degli imputati, a fine agosto, c’erano quattro medici per i quali la difesa ha chiesto l’assoluzione.
La perizia è inclemente sulle responsabilità dell’organizzazione sociopsichiatrica e sulle reali capacità terapeutiche della clinica di Mendrisio. Tredici pagine e, nell’ultimo paragrafo, poche righe riassuntive di un’articolata analisi, dove si legge: "Per valutare le responsabilità dei medici deve essere considerata la disponibilità dei mezzi necessari. Se una clinica psichiatrica è obbligata a ricoverare pazienti con patologie di severità estrema, deve avere anche le finanze necessarie per rendere disponibile l’infrastruttura, l’attrezzatura e il personale per gestirli secondo le regole dell’arte medica. Infine, deve esserci la disponibilità di un reparto di medicina intensiva per trasferimenti d’urgenza".
Non lasciano spazio a giustificazioni le conclusioni della perizia. E le valutazioni sull’efficienza dell’organizzazione e delle strutture disponibili sembrano mettere in un angolo, per quanto anch’esse importantissime, le considerazioni sui dosaggi alterati di farmaci rilevati nel corpo del paziente 28enne stroncato da un mix di psicofarmaci.
Lo stato psicopatologico del paziente durante l’ultimo ricovero nella clinica psichiatrica cantonale (in totale si erano registrati una quarantina di ricoveri) era eccezionalmente grave e pericoloso. Eccezionalmente, scrive proprio così il perito. La somministrazione dei farmaci in dosaggi eccessivi, eccessivi sottolinea la perizia, "è l’espressione di una perplessità terapeutica di fronte all’aggressività refrattaria alla cura e al pericolo elevato per gli operatori e gli altri pazienti". Un quesito, l’ultima delle domande poste dall’accusa e a cui la perizia ha risposto, elenca una serie di misure diagnostiche, terapeutiche e di sorveglianza, "che avrebbero permesso di meglio valutare la situazione e di ridurre il rischio di decesso per le cause in questione". Fatto è, afferma il perito, che queste misure "richiedono la disponibilità di personale di guardia, di attrezzature idonee, come un elettrocardiogramma mobile ed un monitor, la disponibilità di analisi di laboratorio in tempi utili, in particolare delle concentrazioni plasmatiche dei farmaci". Sebbene, aggiunge il perito quasi a voler smussare le critiche, "va anche considerata la mancanza di collaborazione del paziente che può rendere difficile o impossibile l’esecuzione di misure diagnostiche e preventive".
È indubbio comunque, sempre stando alle tredici pagine della perizia, che l’adozione di alcune misure avrebbe permesso di ridurre il rischio di decesso. Il perito elenca alcuni controlli di laboratorio, la necessità di verifiche regolari e frequenti della pressione arteriosa e della saturazione ossigena; esami elettrocardiografici; la semplificazione della terapia farmacologica cercando di utilizzare solo un farmaco per ogni categoria; la riduzione della terapia farmacologica all’evidenza di una sedazione eccessiva; la somministrazione di ossigeno e, cosa importante sulla quale nel corso del processo dello scorso fine agosto ci si è soffermati, "la presenza continua di un operatore durante l’immobilizzazione o il monitoraggio strumentale delle funzioni vitali con un sistema di allarme automatico".
E allora…, secondo la perizia "l’unica alternativa al ricovero nella clinica psichiatrica cantonale sarebbe stato un trasferimento in un reparto sicuro di psichiatria forense. Non mi risulta però che in Ticino sia disponibile una tale struttura per casi di emergenza. Nei rari casi di insufficiente risposta alla terapia con dosaggi alti, ma tollerabili, di psicofarmaci, esiste la possibilità di un trasferimento in un reparto di medicina intensiva e trattamento con narcotici".
La perizia è una sorta di atto d’accusa, seppur ragionato dal punto di vista medico-farmacologico, verso le strutture esistenti e non esistenti e l’organizzazione che ne determina il funzionamento. È vero, come un avvocato di difesa ha avuto modo di dire, che laddove e quando c’è un morto non necessariamente dev’esserci un colpevole ma è altrettanto certo, secondo la perizia, che struttura e organizzazione esistenti, cioè la rete che ha accolto e trattato il difficilissimo caso in questione, sono state e sono più che carenti.
pguenzi@caffe.ch
08.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00