Polemiche e scontento per gli affidamenti di minori
Immagini articolo
Quasi 1700 bambini
sono in mano alle Arp
ANDREA STERN


In natura una femmina che difende i propri cuccioli è probabilmente l’animale più agguerrito che possa esistere. La stessa tenacia ce l’hanno tutte le mamme, come dimostrano le vicende di due donne che si sono viste recentemente sottrarre i bambini dalla pretura di Lugano (vedi sotto). Due vicende per nulla isolate. Solamente in Ticino sono circa 1.700 i minorenni nei confronti dei quali sono state adottate delle misure di protezione (erano 1.643 alla fine dell’anno scorso). Non sempre ma spesso si tratta di bambini contesi tra genitori separati. In mancanza di un accordo tra il padre e la madre, spetta alle autorità regionali di protezione (Arp) stabilire i diritti di visita.
E qui iniziano i guai. Perché le decisioni sull’affidamento dei figli sono delicate, a volte controverse, spesso contestate. A garanzia dei diritti di tutte le parti coinvolte esiste quindi un organo di vigilanza, chiamato Camera di protezione. È composto da due braccia, per così dire, uno che valuta i reclami e l’altro che vigila sull’operato delle sedici autorità regionali di protezione attive in Ticino (Arp). Un compito non facile, visto che le decisioni prese dalle Arp sono complessivamente più di 8mila all’anno. Ma è la stessa Camera di protezione a invitare tutti i genitori che dovessero sentirsi lesi da una decisione delle Arp a farsi avanti. "Siamo qui per aiutarvi", è il messaggio di un organo troppo spesso sconosciuto da chi potrebbe averne bisogno. Perché si sa, pur operando con la maggior scrupolosità possibile, nemmeno le Arp sono infallibili. E quindi, tutti i genitori delusi sono invitati a farsi sentire.
(2. fine. Il precedente servizio  è stato pubblicato  domenica 6 ottobre)
13.10.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'egemonia del dollaro
sulla moneta digitale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Barcellona,
sale il numero
di arresti
e feriti

A Ford-Coppola
il premio
Lumière 2019

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00