function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Farmaci carissimi, il Ticino paga 45 milioni di troppo
Immagini articolo
Potremmo risparmiare
1 miliardo in medicinali
PATRIZIA GUENZI


Un risparmio di 1 miliardo di franchi l’anno sui farmaci. Che potrebbe finire dritto nelle tasche degli assicurati soltanto se il costo di pasticche, preparati, rimedi e terapie in Svizzera fosse in linea con quello degli altri Paesi. Invece, i medicinali nella Confederazione costano mediamente il 7% in più, i generici addirittura il 100%! Ovviamente, tra i cantoni più esosi, che più spendono dal farmacista, svettano i ticinesi. E visti i costi nel confronto con l’estero, ogni anno pagano 45 milioni di franchi di troppo, ovvero 127 franchi per assicurato. Il potenziale risparmio sui farmaci potrebbe dunque da solo azzerare l’aumento dei premi, quel 2,5%, previsto in Ticino per il 2020. Sono gli ultimi dati, 2018, di Santésuisse, organo mantello delle casse, che il Caffè presenta in esclusiva.
I conti sono presto fatti. Il Ticino produce più costi. È il terzo cantone con la spesa pro capite più alta, 4’438 franchi, rispetto ai 3’852 della media nazionale. Un trend confermato anche dai dati del primo semestre di quest’anno, che indicano in Ticino un aumento dei costi della salute superiore alla media. E tra i generatori di spesa ci sono proprio i medicinali ( 65%). In Ticino la densità di farmacie è di 62,8 per centomila abitanti mentre la media nazionale è di meno della metà, 26,7. "Tanto per cominciare qui i medici non possono dispensare farmaci. E poi attenzione a distinguere tra i costi, i soldi spesi cioè, e il numero di scatole vendute. I farmaci antitumorali, ad esempio,  sono molto costosi", replica il presidente dell’Ordine dei farmacisti del cantone (vedi soto).
Santésuisse, contro il caro farmaci, ha da tempo avanzato delle proposte. "Un confronto annuale con l’estero dei prezzi di tutti i preparati - spiega Ivo Giudicetti, del reparto politica e comunicazione -; per il principio dell’economicità, il prezzo di riferimento; la fine del principio della territorialità; importazioni parallele per i farmaci sotto licenza. Infine, l’abbassamento dei margini di guadagno dei distributori". Queste le proposte di Santésuisse. "Mentre sull’altro piatto della bilancia - aggiunge Giudicetti -, ci sono delle iniziative che comportano quasi sicuramente più spese: 1 miliardo di franchi l’anno di costi supplementari per la medicina personalizzata; almeno 400 milioni di franchi l’anno in più se agli ospedali non verranno più praticati gli sconti sui medicinali". Il gigante farmaceutico Novartis, infatti, qualche settimana fa ha annunciato di voler eliminare a partire dal primo febbraio 2020 gli sconti applicati agli ospedali su buona parte dei propri farmaci.
Insomma, pasticche, preparati, rimedi e terapie in primo piano sul banco degli imputati. Rei di provocare l’aumento dei costi della salute. In Ticino, soprattutto, come abbiamo visto. I medici prescrivono, le farmacie vendono, i pazienti consumano. E pagano. Ogni anno per la cassa malati paghiamo di più.
In tutta la Svizzera la fattura delle farmacie è aumentata. Nel 2014 le prestazioni lorde ammontavano a circa 223 milioni di franchi, nel 2016 a 258 milioni, nel 2018 a 268 milioni. Per assicurato, significa 647 franchi nel 2014, 740 franchi nel 2016, 767 franchi nel 2018. "Se in Svizzera i farmaci costassero come negli altri Paesi i premi delle casse potrebbero scendere almeno del 3%", conclude Giudicetti.
p.g.
13.10.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00