function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Una lettera a otto Municipi contro la campagna LoveLife
Immagini articolo
"Togliete dalle strade
le pubblicità anti Aids"
ANDREA BERTAGNI


La pubblicità "pro preservativo" dell’ultima campagna anti Aids lede la sensibilità degli adulti e dei bambini. E per questo i manifesti vanno rimossi subito. A esserne convinto è l’avvocato locarnese Fiorenzo Cotti che venerdì 8 novembre ha scritto ai Municipi di Locarno, Muralto, Ascona, Minusio, Orselina, Losone, Bellinzona e Lugano.  Essendo i cartelloni irrispettosi della salute pubblica, secondo Cotti, le amministrazioni devono ordinare all’Ufficio federale della sanità pubblica, ideatore della campagna, di togliere immediatamente le insegne dalle strade.
"All’ente pubblico  - scrive Cotti - incombe l’obbligo di tutelare i diritti fondamentali dei cittadini da ogni pregiudizio che l’edificazione o l’esercizio di manufatti o impianti di ogni genere  potrebbero arrecare". In questo ambito, sostiene Cotti, riprendendo l’articolo 11 della Costituzione, va prestata particolare attenzione alla sensibilità accresciuta di bambini e adolescenti. Tanto più che "in relazione alla tutela da pregiudizi al benessere psichico e mentale - continua l’avvocato, prendendo spunto dagli articoli 10, 13 e 15 della Costituzione - sono in primo luogo rilevanti il diritto all’integrità fisica, il diritto alla sfera privata, come pure la libertà (negativa) di credo e coscienza".
Nell’applicare l’articolo 4 della Legge sugli impianti pubblicitari, e qui sta il nesso, non si deve portare pregiudizio, tra le altre cose, alla salute pubblica e alla moralità. Posare quei manifesti, detto altrimenti, significa ledere i diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione. Anche perché, secondo Cotti, è tirata in ballo anche la sensibilità degli adulti.  "Oltre all’imbarazzo e all’indignazione - scrive Cotti - l’adulto si trova senza volerlo confrontato con delle domande dei propri figli a cui non vuole, non può rispondere o non è preparato a rispondere". Tutto questo quando, continua Cotti, "non mi risulta che i genitori affrontano questi temi con ragazzini in età preadolescenziale. E neppure il tema è affrontato nelle nostre scuole". È quindi dovere dell’autorità comunale, secondo l’avvocato, intervenire. Tanto più che è l’ente pubblico a rilasciare le autorizzazioni edilizie per i cartelloni.
Già nel 2014 le pubblicità contro l’Hiv promosse dall’Ufficio federale della sanità pubblica erano finite nell’occhio del ciclone. A criticarle aspramente era stato, tra gli altri, anche il consigliere nazionale Ppd Fabio Regazzi. Ritenendosi "schifato" per immagini da lui stesso definite "pornografiche", Regazzi aveva inoltrato un’interpellanza all’indirizzo del Consiglio federale. Le critiche erano però state respinte dall’esecetuvo, sostenendo  che le immagini della campagna non erano dannose per i bambini e gli adolescenti e non erano suscettibili di influenzare il loro sviluppo sessuale. "Se oggi le malattie trasmissibili rappresentano un rischio nettamente inferiore - scriveva il Consiglio federale - il merito va anche all’efficace lavoro di prevenzione condotto negli ultimi decenni".
abertagni@caffe.ch
10.11.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00