function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





L'economista Giuliano Bonoli e l'età di pensionamento
Immagini articolo
"Per risanare l'Avs
va aumentata l'Iva"
ANDREA BERTAGNI


Se guardiamo solo alle cifre contabili, aumentare l’età pensionabile può essere una buona idea, ma dal profilo sociale un cambiamento del genere presenta alcuni rischi". Così Giuliano Bonoli, economista e docente all’Università di Losanna, commenta la riforma del governo per risanare i conti dell’Avs. "Lavorare di più non è facile per nessuno - precisa - ma capisco che in questo modo si riducono le spese e si aumentano le entrate del sistema previdenziale".
Quale può essere allora l’alternativa?
"Una strada potrebbe essere quella dell’aumento dell’Iva. Alcuni la giudicano una tassa non sociale, ma se mantiene in vita l’Avs è una soluzione da percorrere, perché è pagata anche dai pensionati".
C’è anche una seconda via?
"Oltre all’Iva si può decidere di aumentare i contributi previdenziali, che resterebbero comunque al di sotto della metà europea".
Non è dunque una buona idea?
"L’aumento dei contributi passerebbe solo dal lavoro. Ma quest’ultimo sta cambiando molto, si pensi alla digitalizzazione".
E quindi?
"E quindi ci sarebbe il rischio che a pagare sarebbero pochi lavoratori, visto che con la digitalizzazione si dice che molti posti di lavoro spariranno".
Si torna ai piedi della scala, dunque.
"Sì, torniamo all’innalzamento dell’età pensionabile, che però, a mio avviso, dovrebbe prevedere della facilitazioni al prepensionamento per chi svolge lavori usuranti".
Perché lavorare di più non è uguale per tutti...
"Per un infermiere che fa i turni di notte o per un operaio non è evidente. Per questo ritengo che le facilitazioni dovrebbero essere mirate".
Alcuni sostengono che le previsioni catastrofiche dell’Avs siano infondate.
"Di sicuro c’è un problema di finanziamento a lungo termine. Il fatto che la catastrofe non si è ancora verificata non è un argomento valido".
Perché?
"Per il semplice motivo che negli ultimi anni c’è stata un’immigrazione qualificata che con i suoi contributi ha mitigato gli effetti negativi. Ma è una situazione temporanea. È molto improbabile che non ci sarà un problema".
10.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00